1

Pronto, presidente? l’UE ha paura del ‘cambiamento’

C’è una parola, di cui l’UE – e per UE intendiamo tutti i comandanti di questo parlamento imposto dall’alto, con una furbizia che rasenta l’inganno – ed è ‘cambiamento’. Non sapendo bene quali fossero, o quali possano ancora essere i confini di questa operazione, l’UE ha pensato bene di stoppare sul nascere il nostro nuovo governo, votato dalla maggioranza dei cittadini.

Sappiamo della telefonata di Macron a Conte, e possiamo ben immaginarne i toni

Ma la domanda ‘sorge spontanea’: è possibile che analoga conversazione telefonica – da parte di Macron o di altri – sia stata fatta con quello che oggi un quotidiano ha definito ‘Re Sergio’? O che comunque, a parte lo spread, un messaggio preciso sia stato fatto pervenire ad un Mattarella apparentemente troppo supino alle richieste di Salvini e Di Maio? Il dubbio è legittimo, visto come sono andate le cose. Nonostante l’uscita dall’euro e dall’Europa non siano nei programmi di M5S, e neanche in quello della Lega; nonostante il professor Savona abbia giurato e spergiurato che neanche lui avrebbe apportato questo ‘cambiamento’, ecco la bocciatura. Possiamo legittimamente ipotizzare che la sfiducia sia venuta dall’alto, da Bruxelles, e che il presidente Mattarella sia stato – nonostante le rassicurazioni che lo definivano ‘non un notaio’ – un mero esecutore di ordini?

Vorremmo mettere in chiaro alcuni punti

Punto primo: un presidente, o una persona delegata a rappresentare una nazione, non è un dittatore, ma qualcuno che svolge un incarico di servizio, a vantaggio di chi a quel posto l’ha voluto, cioè gli Italiani. Se poi vuol servire qualcun altro, tradisce la mission della sua posizione. In questo caso, tradirebbe – il condizionale è d’obbligo, secondo ciò che è stato espresso da Di battista e Di Maio,- la Costituzione e il suo stesso popolo. Cioè la Nazione.
Punto secondo: qualora un presidente intenda agire a modo suo, senza tener conto della volontà espressa dal popolo al cui servizio è stato chiamato, si trasforma in dittatore e quella che lui presiede non è più una ‘res publica’.
Punto terzo: le motivazioni del rifiuto di Mattarella assomigliano tanto – troppo – alle critiche espresse da Martina nei confronti del governo gialloverde. A chi non sia tanto addentro alle segrete cose è facile far credere quasi qualsiasi cosa.

La preoccupazione per i risparmi degli Italiani spunta solo strumentalmente

Sappiamo, per converso, che la maggior parte dei nostri titoli di Stato, che costituiscono il debito pubblico, sono in mano a speculatori, investitori istituzionali, banche, soprattutto tedesche. Questo è il motivo per cui la Germania non ha convenienza al ‘cambiamento’. D’altronde, lo spread ne fa fede. Dopo il no di Mattarella, esso è calato di oltre venti punti. L’indice di gradimento europeo è lo spread, in misura inversamente proporzionale: più è alto, più è basso il gradimento. In questo caso, nello spazio di una notte, la diminuzione si è palesata. Né si è preoccupato degli italici risparmi il professor Monti, quando con un decreto ha distrutto il mercato immobiliare e l’impresa delle costruzioni. Ancora oggi ne paghiamo le conseguenze, e ormai le pagheremo per sempre.
Quarto punto: un Cottarelli, tempestivamente convocato, sarà presumibilmente delegato a cercare di formare una coalizione di governo. La quale non avrà la fiducia in parlamento, e quindi non potrà far altro che cambiare la legge elettorale. Cottarelli è un economista, già inefficace nei confronti della ‘spending review’, dato che a tagliare le prebende dei potenti ci va col cucchiaino. Con l’accetta nei confronti dei servizi per cui paghiamo le tasse. Un uomo che ha già dimostrato la sua fedeltà ad una certa linea politica, quindi, di garanzia nei confronti UE. Sappiamo che nel giro di pochi giorni questo esecutivo fantasma sarà pronto, avendo tutte le strade spianate, soprattutto quella europea, e che lo spread scenderà ulteriormente – ‘salvando i risparmi degli Italiani’. È curioso come di questi risparmi ci si preoccupi solo in questi frangenti. Impeachment a Mattarella? Non avrà futuro in parlamento.

Roberto Ragone




Governo gialloverde: è muro contro muro col Colle

La Lega blinda Paolo Savona al Tesoro ed è muro contro muro con il Colle. Una situazione molto delicata che mette il Presidente del Consiglio incaricato, Giuseppe Conte, stretto – si ragiona in ambienti parlamentari – nella morsa tra i partiti della sua maggioranza e il Presidente della Repubblica.

Quando già si diffondevano i rumors sul calendario dell’eventuale giuramento, lo strappo sul titolare all’Economia provoca un’inevitabile allungamento dei tempi e anche ipotesi di una clamorosa rottura. Neanche un lungo faccia a faccia informale tra Giuseppe Conte e il capo dello Stato, oltre un’ora e mezza di colloquio al Quirinale, pare abbia sciolto la tensione. Da un lato il Colle sembra che abbia confermato con decisione le sue riserve su Savona, dall’altro Matteo Salvini che specularmente non cede di un centimetro, con il sostegno dei 5 stelle. “La Lega – fanno sapere fonti del Carroccio – ha preso precisi impegni con gli italiani su tasse, Europa, giustizia, pensioni, non prendiamo in giro nessuno. Non andiamo a Bruxelles con il cappello in mano”. Un modo per ribadire il concetto che Salvini ripete da giorni come un mantra: o questo governo cambia le cose o meglio andare al voto.

E dire che Giuseppe Conte ce la sta mettendo tutta per concludere positivamente il suo incarico

di prima mattina si è recato a Palazzo Koch per un lungo faccia a faccia, oltre un’ora e mezza, con il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco. Non è la prima volta che un premier incaricato fa visita al governatore: nel febbraio 2014, Matteo Renzi fece lo stesso. Ma stavolta questo incontro assume un valore molto particolare: l’uomo incaricato di fare il governo è stato accolto dai mercati con una doccia fredda, facendo evocare gli spettri di un “contagio” da parte della Bce nel cui consiglio siede lo stesso Visco e presieduta dall’ex governatore a Via Nazionale Mario Draghi. E perché le banche, la stabilità finanziaria, il dialogo con Bruxelles stanno molto a cuore a Visco. Quindi Conte giunge alla Camera per un vertice a mezzogiorno con Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Entrando nel portone di Montecitorio, ai cronisti che gli chiedono se entro la giornata sarà pronto a portare la lista al Colle risponde con un vago “vedremo”. La riunione nella sala del governo dura poco più di un’ora. Nel frattempo, Paolo Savona ammette candidamente di essere convinto che ci siano dei veti sulla sua persona. Lasciando il vertice il capo politico dei Cinque Stelle cerca di smorzare la tensione facendo buon viso a cattiva sorte.

“L’incontro – osserva Luigi Di Maio – è andato molto bene”

“E’ come se avessimo lavorato sempre insieme, – ha detto il leader pentastellato -è  c’è una totale sinergia e sintonia e stiamo lavorando con abbastanza velocità per assicurare il governo del cambiamento”. Dribbla ogni domanda su Paolo Savona: “Non voglio parlare di nomi. Di questo – commenta sintetico – ne devono parlare il presidente della Repubblica e Conte”. Decisamente laconico Matteo Salvini, dall’umore nero, che sul Tesoro si limita a dire che “sarà il presidente incaricato a fare le sue valutazioni”. Poi vola a Milano, oggi sarà presente a un saggio della figlia. E’ il segnale che per lui il tempo della trattativa a Roma è ormai scaduto, la parola tocca ora al Capo dello Stato. Quindi ribadisce la sua netta determinazione a spingere su Savona sino alla fine, a ogni costo: se non ci sarà lui nella compagine di governo – informano fonti a lui vicine – non ci sarà nemmeno il governo stesso. In serata, su Facebook conferma la sua grande irritazione con una frase secca inequivocabile: “sono molto arrabbiato”. In questo clima di tempesta, si inseriscono le parole di apertura del Presidente francese Emmanuel Macron che tende la mano al nuovo governo: L’Italia – sottolineato a San Pietroburgo – è un membro importante dell’Ue e un alleato eminente. Vedremo cosa sceglierà l’Italia, ho rispetto per questo grande Paese che è sempre stato al nostro fianco”.




Governo, Conte da Mattarella senza lista ministri

E’ durato circa un’ora l’incontro al Quirinale tra il presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte e il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Non ha presentato al capo dello Stato la lista dei ministri, non ha sciolto la riserva, ma ha fatto solo il punto della situazione.

Il presidente del Consiglio incaricato ha incontrato alla Camera il capo politico del M5S Luigi Di Maio e il segretario federale della Lega Matteo Salvini. “Procede tutto per il meglio – ha assicurato Di Maio -. L’incontro è andato bene. Sulla squadra di governo la parola spetta al presidente Conte e al presidente della Repubblica”. Alla domanda se sia disposto a rinunciare al superministero del Lavoro, Di Maio ha risposto: “Non mi pare si stia discutendo di nomi, si sta discutendo dell’asset-to di governo per realizzare il programma elettorale. Quando giurerà la squadra? Questo dovete chiederlo al presidente”.

“E’ come se avessimo lavorato sempre insieme – ha aggiunto -, c’è una totale sinergia e sintonia e stiamo lavorando con abbastanza velocità per assicurare il governo del cambiamento”. “Savona? – risponde Di Maio – Non voglio parlare di nomi. Di questo ne devono parlare il presidente della Repubblica e Conte. Quello che vi posso dire è che c’è molta compattezza e che ci capiamo al volo”.
Secondo fonti del M5S, tuttavia, è poco probabile che oggi il premier incaricato salga al Quirinale per chiudere la partita sulla squadra di governo con Mattarella. Nulla, sottolineano le stese fonti, è ancora definito per quanto riguarda i tempi.

In mattinata, il premier incaricato ha incontrato il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco nella sede dell’Istituto. Al termine della riunione, durata circa un’ora e mazza, Conte è andato via in taxi seguito dalla scorta, così come era arrivato. “Abbiamo doverosamente parlato dello stato dell’economia italiana – ha detto Conte ai cronisti – c’è stato un aggiornamento”. Il premier incaricato ha poi ricordato che la prossima settimana ci sarà la relazione finale di Banca d’Italia.




Nuovo Governo, Mattarella e il lungo colloquio con Conte: verso il pre-incarico

l professor Giuseppe Conte è arrivato in taxi al Quirinale per incontrare il presidente Sergio Mattarella, che lo ha convocato alle 17.30 in vista di un possibile incarico per formare il nuovo governo. Il giurista designato da M5S e Lega è sceso dall’auto bianca e da solo si è incamminato all’ingresso, salutando i cronisti e alcuni cittadini che lo hanno applaudito. E’ il primo passo formale per l’incarico (più difficile un pre-incarico) che apre la strada concreta alla formazione di un nuovo Governo.

Sull’Economia si annuncia battaglia: la Lega insiste sul nome di Paolo Savona, economista esperto e capace che però da anni ha virato su posizioni fortemente critiche su Unione e Euro. Ecco perchè l’incontro tra il presidente e Giuseppe Conte diventa sostanziale e non formale. Si tratta del primo contatto tra i due e Mattarella vorrà sondare la determinazione del giurista a osservare i principi sanciti dalla Costituzione.

Chiusura in territorio negativo per la Borsa di Milano. A Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha ceduto l’1,31% a 22.911 punti, mentre il Ftse All Share ha lasciato sul terreno l’1,26% a 25.101 punti. Chiude a 191,40 punti base lo spread tra i Btp e i Bund tedeschi, con il tasso decennale italiano al 2,42%.




Mattarella attende testo definitivo: Salvini e Di Maio quasi pronti

Matteo Salvini e Luigi Di Maio pronti entrambi a un ‘passo di lato’ per agevolare la nascita di un nuovo governo. Mentre continua la trattativa sul programma entrambi i leader si dicono disponibili a una rinuncia in prima persona. “Io mi auguro – ha detto Di Maio – che si possa far parte del governo per mettersi alla prova in prima persona, ma se serve per farlo partire io e Salvini siamo pronti a stare fuori”.

Ci sarà stasera un nuovo incontro tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Lo annunciano fonti del M5s spiegando che l’incontro servirà anche a fare il punto sugli ultimi nodi rimasti aperti sul contratto di programma. Il lavoro al tavolo si aggiunge “sta procedendo bene. Siamo molto soddisfatti del lavoro che stiamo compiendo con uno spirito di fattiva ed onesta collaborazione”. E in cui ognuna delle due parti riconosce le urgenze dell’altra, aggiungono le stesse fonti.

Le delegazioni di Lega e M5s, nel corso delle consultazioni di lunedì scorso, hanno voluto lasciare al presidente Mattarella la bozza dell’accordo di programma nello stato in cui si trovava in quel momento. E’ chiaro che il presidente non guarda bozze ma testi definiti, frutto delle responsabilità dei partiti che concludono accordi di governo. E’ quanto spiegano al Quirinale a quanti chiedono se il presidente abbia ricevuto la bozza del programma.

“Entro oggi – ha detto Matteo Salvini parlando del programma – ci riaggiorniamo e vediamo se riusciamo a chiudere. Poi passeremo ai nomi. Abbiamo fatto bei passi avanti”. “Non vado a fare il ministro – ha detto – per il gusto di farlo, vado al governo solo se c’è un programma firmato nero su bianco, con i tempi, fissati, pezzo per pezzo”. “Matteo Salvini – ha sottolineato ancora – non sarà mai ostacolo alla nascita del governo: se devo fare un passo di lato io ci sono, lo farò”. Ma puntualizza: “Nel contratto c’è la difesa dei confini e credo che un ministro della Lega farà da garante”.

Salvini ha risposto anche sulla questione spread riferendosi a un titolo di ieri di Ft. “Il Ft dice che siamo barbari: io dico meglio barbari che servi. Stanno usando i soliti trucchetti, lo spread…Ma noi andiamo avanti. Non son nato per tirare a campare”. “Lo spread sale? I soliti giochini della finanza, vuol dire che stiamo facendo bene…”.




Mattarella, finale Coppa Italia: “Io arbitro ma serve correttezza giocatori”

‘Saluto gli arbitri, miei colleghi: un arbitro può condurre bene la partita se ha un certo aiuto di correttezza dai giocatori”. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, incontrando al Quirinale Juve e Milan, finaliste di Coppa Italia. “Quando sono stato eletto – ha anche detto il Capo dello Stato – dopo aver giurato alla Camera mi sono paragonato a un arbitro imparziale, e ho ricevuto un applauso. Poi ho aggiunto che l’arbitro deve essere aiutato dai giocatori: è seguito un altro applauso, con un po’ di sorpresa”.

Buffon a Mattarella ‘Italia non può essere mediocre’ – ”L’Italia non può essere una nazione mediocre e per questo ci affidiamo a una persona come lei”: lo ha detto il capitano della Juventus, Gianluigi Buffon, parlando al Quirinale durante l’incontro delle finaliste di Coppa Italia col Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. “Dobbiamo avere fiducia in un futuro più prospero e migliore, lo meritiamo”.

Malagò a Mattarella, speriamo di averla distratta un po’  – “Presidente, speriamo di averla almeno distratta per un po’ dai problemi di queste ore e di averla fatta sorridere….”: così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, con un criferimento all’attualità politica, si è rivolto al Capo dello Stato Sergio Mattarella, in occasione della visita di Juventus e Milan al Quirinale, alla vigilia della finale di Coppa Italia, domani sera all’Olimpico.

Mattarella a Juve e Milan,siete modello per giovani – ”Benvenuti al Quirinale”: così ha esordito Sergio Mattarella, ricevendo Juve e Milan domani finaliste in Coppa Italia. “E’ un piacere incontrarvi, non potrò assistere all’incontro come ho fatto negli altri anni, ma sono certo che sarà una grande partita. Mi auguro un grande incontro, qui vi sono tanti juventini e milanisti. Io ho l’obbligo di guardare con simpatia a tutte le squadre d’Italia”. ”Voi siete la punta più avanzata e conosciuta di un grande movimento sportivo che è il più popolare, seguito e amato nel nostro paese e non solo – ha proseguito il Presidente della Repubblica – Avete una grande responsabilità, siete un modello da seguire e imitare dai bambini, dagli altri calciatori. Questo vi dà una grande responsabilità”.




Ultimatum di Mattarella: o Governo neutrale o elezioni

Dopo il giro di consultazioni con i leader politici e i presidenti di Camera e Senato, ha parlato il presidente della Repubblica: “Non esiste una maggioranza con la sola Lega e i Cinque Stelle e si è rivelata impraticabile una maggioranza M5s con Pd ed è stata sempre affermata da entrambe le parti, l’impossibilità di un’intesa tra il centrodestra e Partito democratico. Tutte queste indi-sponibilità mi sono state confermate questa mattina”, ha detto Sergio Mattarella.

“Il governo presieduto dall’onorevole Gentiloni – ha detto ancora – che ringrazio per il lavoro che ha svolto e sta svolgendo in questa situazione anomala, ha esaurito la sua funzione e non può essere ulteriormente prorogato in quanto espresso da una maggioranza parlamentare che non c’è più”. “Ritengo che sia più rispettoso” della dinamica democratica che a “portare alle elezioni sia un governo non di parte”. “L’ipotesi alternativa è indire nuove elezioni subito ma non vi sono tempi per il voto entro giugno, si potrebbero svolgere in piena estate ma finora è stato evitato perché per gli italiani è difficile esercitare il voto, si potrebbe fissare in autunno”. “Sarebbe la prima volta che il voto popolare non viene utilizzato e non produce alcun effetto. Scelgano i partiti con il loro libero comportamento e nella sede propria parlamentare. Cerchino una maggioranza politica per un governo neutrale entro l’anno oppure nuove elezioni subito, in autunno o nel mese di luglio”.

Poi ancora: “Mi compete far presente alcune preoccupazioni: che non vi sia tempo per approvare dopo il voto la legge di bilancio entro fine anno con l’aumento dell’Iva e con gli effetti recessivi che questa tassa comporterebbe e il rischio di esporre la situazione finanziaria”. “Dai partiti fino a pochi giorni a dietro è venuta più volta la richiesta di tempo per raggiungere intese – ha detto Mattarella -. Può essere utile che si prendano ancora tempo per far maturare una maggioranza politica per una maggioranza di governo. Ma nel frattempo consentano che nasca con la fiducia un governo neutrale, di servizio. Laddove si formasse nei prossimi mesi una maggioranza parlamentare si dimetterebbe con immediatezza per un governo politico”.

Le parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarella non cambiano la linea adottata dal M5S. “Si vada al voto a luglio”, è infatti, secondo quanto si apprende, la replica che filtra dai vertici del Movimento. “Nessuna fiducia a un governo “neutrale”, sinonimo di governo tecnico. Si vada al voto a luglio!”, ha scritto il leader del M5S Luigi Di Maio in un tweet. “Condividiamo il richiamo alla responsabilità del presidente Mattarella – ha detto il segretario reggente del Partito democratico, Maurizio Martina – e ci auguriamo che venga ascoltato da tutte le forze politiche in queste ore. Il Pd non farà mancare il suo sostegno all’iniziava preannunciata ora dal presidente”.

“Non serve un governo neutrale ma uno capace di schierarsi con gli italiani – ha detto il presidente di FdI Giorgia Meloni -. E Mattarella sa bene che nessun governo è neutrale. Non ci è chiaro perché voglia verificare se un governo di sua emanazione abbia o meno la fiducia ma non abbia voluto verificare se chi ha vinto le elezioni riuscisse a trovare quella stessa fiducia. Il tabù di dare l’incarico al c. destra è incomprensibile e non condivisibile. Non ci saranno i voti di FdI per un altro governo nato nei laboratori del Quirinale”. “E’ fondamentale che il voto degli italiani sia rispettato – ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini -. Quindi o un governo del centrodestra, oppure elezioni il prima possibile, per la prima volta in estate. Non c’è tempo da perdere, non esistono governi tecnici alla Monti, contiamo che Berlusconi mantenga la parola data e abbia la nostra stessa coerenza, poi gli italiani ci daranno la maggioranza assoluta e cambieremo l’Italia da soli”.

“Abbiamo ascoltato con attenzione e rispetto le parole del presidente Mattarella – ha detto Maria Stella Gelmini, vice capogruppo di Fi -. Fi è rispettosa del voto degli italiani e si riconosce nel cen-trodestra unito valuterà all’interno della coalizione le posizioni da assumere. Siamo pronti come sempre al voto in ogni momento ma riteniamo che il voto in estate non sia adatto per garantire la partecipazione come sottolineato anche da Mattarella”.

“Fi coerentemente con il voto degli italiani valuterà la posizione da assumere con gli alleati tenendo contro degli impegni presi tra i leader – è quanto si legge in una nota di Fi -. Non ci spaventa il voto ma l’estate non aiuta, meglio l’autunno”. Calendario alla mano, variabili varie escluse, la data più realistica per un voto a luglio sarebbe quella del 22 luglio. Lo confermano fonti parlamentari che stanno ragionando sulle procedure nel caso si dovesse tornare alle urne il prima possibile.




Tensioni tra Salvini e Berlusconi: opzione governo di tregua sul tavolo di Mattarella

Al termine di un vertice notturno del centrodestra le posizioni restano distanti, la tensione alta. E alla vigilia dell’ultimo giro di consultazioni al Quirinale, Salvini avverte il Cavaliere: la Lega dice no a un governo del presidente, l’unica alternativa a un esecutivo politico con M5s è il voto.

Salvini e Berlusconi viaggiano sullo stesso aereo da Milano a Roma e poi con Giorgia Meloni restano riuniti per due ore a Palazzo Grazioli. Ma alla fine l’intesa non c’è, tanto che i leader del centrodestra potrebbero rivedersi questa mattina prima di andare al Colle. E’ loro la palla dopo la mossa di Di Maio, che in un’intervista tv si dice pronto a un passo indietro dalla premiership per sostenere un nome “terzo” e fare con la Lega – e magari l’astensione di FI – un governo che assicuri il via libera a “reddito di cittadinanza, abolizione della legge Fornero e legge anticorruzione”. L’alternativa, dice anche Di Maio, è solo il voto, perché M5s e Lega dicono no a governi tecnici o del presidente. Salvini mostra apprezzamento per la mossa pentastellata e prova a convincere il Cavaliere, perché un governo possa nascere senza spaccare il centrodestra. Non sarebbe sostenibile, per Salvini, l’idea del Cavaliere di appoggiare un governo del presidente nell’attesa di creare in Parlamento le condizioni per la nascita di un esecutivo di centrodestra. Se l’accordo con Di Maio si facesse, ipotizzano nel centrodestra, si potrebbero chiedere un premier come Giancarlo Giorgetti, e Salvini si farebbe garante dell’alleato.

Ma Berlusconi non accetta: andiamo al Colle a invocare l’incarico a un premier del centrodestra, continua a chiedere. E se Mattarella proponesse un governo del presidente, sostengono fonti di FI, il Cav sarebbe disponibile, pur di tenere unito il centrodestra, a dire no e accettare il ritorno alle urne. L’opzione di un governo di tregua resta dunque sul tavolo di Sergio Mattarella




Mattarella fa pressing sui partiti: Colle pronto a nuovo giro di consultazioni. Lunedì unico giorno

Il capo dello Stato Sergio Mattarella ha convocato per lunedì un nuovo giro di consultazioni per la formazione del governo. Le consultazioni si terranno in un unico giorno. Il capo dello Stato pressa i partiti: “A distanza di due mesi – si sottolinea da fonti del Quirinale – le posizioni di partenza dei partiti sono rimaste invariate. Non è emersa alcuna prospettiva di maggioranza di governo”.

 

Oggi la Direzione del Pd

A poche ore dalla direzione, mentre proseguono i contatti tra i “big” del partito e le riunioni di correntela conta sembra l’ipotesi più probabile. Per i “non renziani” il punto irrinunciabile è un voto di fiducia al reggente Maurizio Martina: su questo sono pronti a contarsi. L’ala dura della minoranza vorrebbe un documento che confermi la fiducia al reggente fino al congresso, ipotesi a cui i renziani sono contrari perché ormai puntano all’elezione di un nuovo segretario in assemblea. Su questo si continua a trattare.

Quanto ai numeri, secondo i calcoli renziani, Matteo Renzi, che sarà in direzione, avrebbe dalla sua 125 membri della direzione, tutte le altre aree 80. Secondo fonti “governiste”, invece, il fronte che sostiene Martina avrebbe 96 voti contro i 112 dei renziani: al netto delle assenze, sostengono, i numeri sarebbero sul filo e perciò una parte della minoranza contesta il voto dei venti membri della segreteria renziana, perché in grado di condizionare il risultato.




Governo, Mattarella: “Attenderò alcuni giorni per decidere come procedere per uscire dallo stallo”

Si è concluso con le alte cariche istituzionali il secondo giro di consultazioni del presidente della Repubblica Sergio Mattarella per la formazione del nuovo governo.

Il primo a salire al Quirinale il presidente emerito Giorgio Napolitano. “Come rappresentanti istituzionali siamo tutti accanto al presidente Mattarella nella ricerca di soluzioni. Il suo è un compito estremamente difficile”, ha detto Napolitano al termine del colloquio. Dopo Napolitano sono saliti sul Colle il presidente della Camera Roberto Fico e a seguire il presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati.

“Dall’andamento delle consultazioni di questi giorni emerge con evidenza che il confronto tra i partiti politici per dar vita in Parlamento a una maggioranza che sostenga un governo non ha fatto progressi”, ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella al termine del secondo giro di consultazioni.

“Ho fatto presente alle varie forze politiche la necessità per il nostro Paese di avere un governo nella pienezza delle sue funzioni”, ha aggiunto Mattarella. “Attenderò alcuni giorni per decidere come procedere per uscire dallo stallo”, ha concluso il capo dello Stato parlando della necessità di dare vita a un governo.




Costituzione, ricorrono i 70 anni. Domani Mattarella potrebbe sciogliere le Camere

“#70anni Evviva la #Costituzione”. Con questo messaggio pubblicato su Twitter, il presidente del consiglio Paolo Gentiloni ricorda l’anniversario della promulgazione della Carta Costituzionale.   Intanto domani giovedì 28 dicembre terminerà la XVII legislatura della Repubblica. Ambienti parlamentari danno infatti ormai per scontato che il presidente Sergio Mattarella scioglierà le Camere allo scadere di questa data, giorno in cui il premier Paolo Gentiloni congederà di fatto il suo mandato nel corso della conferenza stampa di fine anno, prevista per le 11 (verrà trasmessa anche attraverso la webtv).

Il timing sembra definito anche perché, agli occhi del Quirinale, con il mancato numero legale verificatosi in Senato sullo ius soli, dal Parlamento è giunto un chiaro segnale che la legislatura può chiudere i battenti. Eppure quello dello ius soli è un capitolo che, nonostante la pausa natalizia, non smette di alimentare forti polemiche. I ragazzi del “Movimento italiani senza cittadinanza” (ovvero quelli nati in Italia o all’estero da genitori stranieri ma comunque cresciuti nel nostro Paese) con una accorata lettera chiedono al Capo dello Stato di “non lasciarli soli” nella loro battaglia per far approvare ora la legge sulla cittadinanza. E da sinistra si moltiplicano gli appelli per l’approvazione.

“Auspichiamo che Mattarella “valuti di non sciogliere le Camere fino a quando questa legge di civiltà non sarà approvata”, sottolinea Angello Bonelli dei Verdi mentre Barbara Pollastrini del Pd spiega: “abbiamo il dovere di provarci”. Liberi e Uguali, con il senatore Federico Fornaro, ricorda che “se Pd ed M5S avessero avuto più coraggio” lo ius soli sarebbe legge laddove il capogruppo Mdp alla Camera Francesco Laforgia rilancia: “Se ci fosse un sussulto di dignità da parte del Parlamento e del Governo noi non faremmo mancare il nostro sostegno incondizionato”. Sul fronte opposto, Lega e FI ribadiscono il loro “no” al provvedimento: “è una legge che non serve, la cittadinanza deve essere una conquista e non un regalo”, sottolinea Roberto Calderoli.

Ma lo ius soli, salvo colpi di scena clamorosi, finirà, in questo giro, nelle calderone delle cose non portate a termine.
Al Senato mancano i voti centristi della maggioranza di governo e manca anche quell’asse tra Pd e M5S che aveva garantito l’ok al biotestamento. Del resto, il mancato numero legale in Aula ha stoppato, lo scorso 23 dicembre, una legge su cui in pochi, sin dalla sua calendarizzazione, ormai scommettevano. E Mattarella, sciogliendo le Camere prima della ripresa dei lavori, prevista sulla carta il 9 gennaio, non potrà che prendere atto del segnale arrivato da Palazzo Madama. Il 28, perciò, si chiuderà la legislatura iniziata il 15 marzo 2013