Connect with us

Scienza e Tecnologia

Bloodstained Ritual of The Night, l’erede indiscusso di Castlevania

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Bloodstained Ritual of The Night venne concepito nel 2014 quando il celebre producer Koji Igarashi, lasciato Konami, fu subissato di richieste di fan che chiedevano a gran voce un nuovo gioco in stile Castlevania. Non potendo usare però il brand, essendo di proprietà di Konami, Koji si ritrovò nella difficile situazione di dover trovare una maniera per reinventare il genere di cui per anni fu considerato il padre spirituale. Appoggiandosi quindi al crowfunding, e di fatto all’aiuto di quei fan che tanto volevano un degno successore dell’intramontabile Symphony Of The Night, Igarashi cominciò il lungo, e altri, travagliato, sviluppo di quello che a oggi possiamo considerare il gioco che in molti avrebbero desiderato da moltissimo tempo. Inutile dire che se si è fan accaniti dell’originale Symphony of The Night è obbligatoriogiocare al più presto alla nuova opera di Koji Igarashi perché Bloodstained Ritual of The Night. Vi diciamo questo in quanto il titolo, disponibile su Pc, Xboxc One, Ps4 e Switch, altro non è che la summa di tutto ciò che è stato il ciclo di Castlevania negli anni in cui Iga lo ha diretto. Quindi non ci si trova solo di fronte a un seguito spirituale ma a una vera e propria autocelebrazione di un genere per mano del suo stesso produttore, ritrovatosi orfano della sua creatura ma non per questo deciso a rifulgere il proprio, storico, passato o a voltare le spalle alla sua fanbase. Se, invece, si è tra quella schiera di persone che non ha mai potuto o voluto affrontare l’immortale avventura di Alucard, potete prepararvi a comprendere l’arcana alchimia che permette a una produzione quale Bloodstained Ritual Of The Night, di risaltare in mezzo a un panorama ricolmo di titoli pregni di grafiche incredibili e narrazioni accattivanti, basandosi solo su un gameplay che dal 1997 a oggi ha caratterizzato un intero genere videoludico. Ma veniamo alla trama: alla fine del settecento, nel 1783 per la precisione, nel pieno della Rivoluzione Industriale, un gruppo di demoni attacca l’Inghilterra, compiendo dei terribili massacri. Per fermarli, una gilda di alchimisti crea gli shardbinder, ossia degli esseri umani con impiantati dei cristalli imbevuti di potere demoniaco. La gilda, in collaborazione con la chiesa, riesce a fermare i demoni, ma al prezzo di migliaia di vittime. Gli shardbinder infatti muoiono tutti nel rito di purificazione dei cancelli demoniaci. Solo due sono riusciti a sopravvivere: Gebel, uscito illeso dal rito, e Miriam, addormentatasi poco prima che questo iniziasse. Da allora sono passati dieci anni e i demoni sono tornati sotto la guida di Gebel, ormai quasi completamente cristallizzato. L’unica che può fermarlo è Miriam, perché capace di sfruttare i poteri dei cristalli demoniaci presenti nel suo corpo. Ad aiutarla il fido Johannes, un ex-alchimista redento, l’esorcista Dominique e il guerriero Zangetsu, il protagonista di Bloodstained: Curse of Moon (spin-off stile NES della serie), utilizzabile anche in Ritual of the Night.

Pad alla mano, sin dalle prime stanze si avverte tutta l’esperienza di Igarashi. I movimenti di Miriam sono molto simili alle movenze di Alucard (Il protagonista di Castevania Symphomy of the Night), c’è persino la scivolata tattica all’indietro e quella d’attacco in avanti. Il sistema di assorbimento dei cristalli è semplice ma intelligente: ogni volta che si incontra un nuovo nemico, dopo averlo sconfitto c’è una chance di ottenere un cristallo che si potrà assorbire acquisendo le sue abilità specifiche. Ci sono tanti tipi di cristalli, di attacco, di difesa, di supporto e via discorrendo. Essi vanno equipaggiati e hanno un consumo di MP variabile in base al tipo stesso al grado. Grado che aumenta in base al numero di cristalli dello stesso demone che verranno trovati, con un meccanismo simile a un incremento del livello delle abilità. Nelle prime aree di gioco c’è una grande sensazione di gratificazione, in quanto si potranno incontrare nemici quasi sempre diversi ogni due tre stanze e si potranno trovare tanti cristalli, in maniera tale da poter provare tutte le abilità ad essi connesse. Uccidendo i nemici si potranno trovare come loot anche tanti materiali e ingredienti che inizialmente non è chiaro come utilizzare, salvo poi capirne meglio i meccanismi dopo aver incontrato compagni della Gilda e personaggi che si offrono di aiutare la protagonista nella missione, che spiegano come combinare gli oggetti e craftarne di nuovi. In Bloodstained Ritual of The Night, come anche accadeva in Castlevania SotN, consultare la mappa è sempre essenziale per capire dove bisogna andare, per comprendere la conformazione delle stanze alte e per trovare punti chiave e stanze segrete. Queste contengono quasi sempre equip potenti, oggetti per aumentare il cap di HP ed MP o anche NPC. Tra le diverse aree si trovano, come in ogni Castlevania che si rispetti, dei corridoi separatori, e ad ogni nuova area corrisponde anche un cambio di musica in background e set di nemici. Talvolta potrà capitare di poter accedere contemporaneamente a più aree diverse, e generalmente il modo migliore per capire se si è scelto la strada giusta è saggiare la forza dei nemici: se servono più di quattro o cinque attacchi per eliminarli, generalmente è meglio battere in ritirata in quanto è richiesto un livello di potere più alto e si andrebbe incontro a morte certa.

Man mano che si andrà avanti nell’avventura ci si dovrà scontrare con mini-boss e boss di livello. Questi ultimi sono quasi sempre accompagnati da delle cut-scene e richiedono una buona dose di run ed eventuali morti per trovare la tecnica giusta per superarli. Il backtracking è presente in maniera preponderante, ma fortunatamente ci sono i ben noti portali che permettono, una volta trovati e attivati, di viaggiare velocemente tra gli angoli più remoti della mappa. E quindi, ogni qualvolta si sblocca una nuova abilità che permette di eseguire nuove mosse, quasi sempre bisognerà tornare indietro per accedere alle parti della mappa inizialmente precluse. In Bloodstained Ritual of The Night però c’è anche spazio per qualche piccola novità. Infatti, strada facendo si potranno trovare diversi NPC che propongono tante missioni secondarie, come la vendetta del marito ucciso da un particolare tipo di demone, o la raccolta di ingredienti e oggetti specifici. Queste missioni aggiungono ulteriore backtracking e quando se ne accettano più di una sarà facile confondersi o perdere di vista gli obiettivi. Fortunatamente gli sviluppatori hanno inserito un sistema di tracking che viene in aiuto con dei segnalini da posizionare sulla mappa. Bloodstained Ritual of The Night offre poi la possibilità di eseguire tante abilità e mosse speciali legate al tipo di arma brandita. E di armi ne esistono di varie categorie: spade corte e lunghe, pugnali, fruste, pistole mazze chiodate e persino opzioni per il combattimento a mani nude; e strada facendo troveremo delle librerie che ci svelano mosse segrete che aggiungono profondità al combattimento. Tra le novità implementate è bene evidenziare anche un sistema di assegnazione veloce delle abilità legate ai cristalli, che permette di cambiare rapidamente set di skill, pratica particolarmente utile nelle parti più avanzate del gioco quando i nemici si fanno più duri da abbattere e sfruttare le loro vulnerabilità diventa vitale. Da questo punto di vista il combattimento risulta più tattico e meno piatto rispetto al passato. C’è ampio margine anche nella customizzazione del personaggio, con armi, mantelli e accessori che hanno un impatto cosmetico ben visibile su Miriam. Inoltre, in un punto preciso del castello è presente anche un barbiere in grado di modificare l’acconciatura ed altri aspetti del look della protagonista. Come da tradizione poi, non manca nemmeno una vasta enciclopedia che abbraccia personaggi, luoghi e mostri che appagherà la sete di conoscenza dei puristi del genere. Immancabili inoltre gli shop di armi e oggetti ed il mitico barcaiolo in stile Caronte.

In termini di esplorazione e progressione, Bloodstained: Ritual of The Night è costruito in modo molto simile ad alcuni dei titoli della serie Castlevania già citati: c’è un’unica grande mappa, di cui molte zone diventano accessibili solo dopo aver sbloccato alcuni poteri specifici o dopo aver ottenuto certi oggetti, come il già citato doppio salto. Paradossalmente più si esplora, più la mappa sembra ampliarsi. Igarashi e i suoi hanno ottenuto questo effetto aumentando le diramazioni in modo graduale: non si arriva mai a sentirsi persi come accade in un Hollow Knight, ma in certi momenti non manca del sano disorientamento. Il tempo necessario per finire il gioco a livello Normal è noto, perché dichiarato dallo stesso Igarashi: una decina di ore. Si tratta in realtà di un abbaglio, nel senso che Bloodstained è costruito per essere esplorato in lungo e in largo e per essere finito più volte a diversi livelli di difficoltà. Parlando ora del comparto tecnico, il gioco ha fatto netti passi avanti durante il suo lungo sviluppo. Non poche erano le polemiche insorte per animazioni legnose, uno stile grafico vecchio ed effetti grafici non all’altezza della generazione attuale. Igarashi ha però saputo rispondere bene a queste critiche cambiando tutto a poche settimane dal lancio, presentando un cambiamento radicale quasi da notte a giorno per effetti e stile grafico. Alcune aree sono veramente belle a vedersi, con tanti effetti particellari e oggetti in movimento in background che danno decisamente vita e spessore allo stile 2.5D. La colonna sonora è chiaramente ispirata a quella dei precedenti Castlevania ed è sicuramente uno dei punti di forza dell’intera produzione. Unica nota veramente negativa è da associare alla traduzione in italiano, davvero di mediocre fattura. Sicuramente farà contenti tutti quei giocatori che non conoscono altre lingue, ma doversi andare a rileggere dei testi in inglese per capirli fino in fondo non è affatto una cosa buona. Tirando le somme, Bloodstained Ritual of The Night non è solamente il successore spirituale di Symphony Of The Night, o del filone dei Castlevania in due dimensioni che hanno popolato le console portatili nel primo decennio degli anni 2000, ma è soprattutto una produzione coraggiosa, fede delle proprie radici e in gradi di dimostrare che il genere ha ancora molto da dire, specialmente se al timone c’è uno dei suoi storici fondatori. Con un solido gameplay in grado di divertire oggi come ventidue anni fa e un level design sopraffino, l’ultima creazione di Igarashi non solo riesce a tenere testa a tutti i titoli usciti negli anni precedenti ma anche a ridefinire le basi del genere così come fu nel 1997 con la storia di Alucard. Se siete fan di Catlevania non giocare a questo titolo sarebbe un vero peccato in quanto incarna quanto di buono già visto in passato e lo eleva con alcune buone novità, con un gameplay fluido e con una trama avvincente.

GIUDIZIO GLOBALE

Grafica: 8,5

Sonoro: 9

Gameplay: 9,5

Longevità: 9

VOTO FINALE: 9,5

Francesco Pellegrino Lise

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Scienza e Tecnologia

Call of Duty Modern Warfare, il reboot che rilancia la saga

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Call of Duty Modern Warfare è un reboot della saga che ha rivoluzionato il concetto di sparatutto in prima persona ed è disponibile su Pc, Xbox One e Ps4. Per anni gli appassionati di questo genere, dopo una prima trilogia indimenticabile e diversi titoli futuristici che non hanno avuto lo stesso impatto della serie MW originale, hanno desiderato un ritorno alle origini, e quest’anno Activision e Infinity Ward hanno deciso di accontentare i fan. Il nuovo capitolo di Call of Duty, infatti, non è altro che una rilettura del titolo uscito nel 2007 che utilizza alcuni fra i personaggi iconici del brand e apre la strada verso un futuro che sembra essere pronto a riscrivere una delle storie più amate dal popolo dei gamers. Call of Duty Modern Warfare ripropone i tre pilastri storici del brand, ossia: la Campagna single player, una corposa componente multiplayer, vero fulcro del gioco per milioni di appassionati, e una componente cooperativa basata su orde di nemici IA con le Operazioni Speciali. Prima analizzare queste modalità, è però doveroso parlare di un’altra novità: dopo anni e anni di riciclo e ritocchi del motore originale della serie, lo studio stavolta ha introdotto un engine grafico completamente nuovo, pensato per gli hardware di prossima generazione che anche sulle console di attuale generazione si difende davvero bene con modelli estremamente curati, animazioni fluidissime ed effetti speciali hollywoodiani che rendono tantissime parti della campagna realistiche quasi quanto un film di guerra.

Come già detto, per quanto riguarda la storia in singolo, Infinity Ward ha deciso di tornare ai suoi titoli più famosi, con un vero e proprio reboot che riprende personaggi e tematiche dei vecchi titoli, inserendoli in un nuovo contesto. La campagna, come detto dallo stesso studio di sviluppo, vuole essere uno spaccato sulla guerra moderna. Nel 2007 Call of Duty 4: Modern Warfare aveva lo stesso obiettivo, ma era figlio di un’altra epoca; 12 anni fa, erano ancora forti tematiche come la guerra in medio-oriente, una guerra diversa da quelle del passato, ma in cui ancora si potevano vedere eserciti, regolari e non, scontrarsi tra loro. Dodici anni sono passati e con essi è cambiato, almeno per il team di Infinity Ward, il significato di “guerra moderna”. Per questo Call of Duty: Modern Warfare non presenta battaglie tra eserciti di soldati, ma una guerra più subdola, che entra nelle vite di tutti i giorni. Per far comprendere pienamente i toni di questo gioco e che cosa si intende per “guerra moderna” ci basterà descrivere brevemente una missione: in una di quelle iniziali, infatti, il giocatore si trova a Picadilly, una delle strade più famose di Londra. La vita scorre come da norma per la metropolitana: folle di persone che sciamano lungo i marciapiedi, le strade bloccate dal traffico, le luci elettriche che illuminano la serata. Il giocatore, però, nei panni di un agente delle forze speciali, stiamo cercando di fermare una cellula terroristica che, a bordo di un veicolo, si lancia tra la folla e facendosi esplodere. La battaglia comincia così, tra le strade di Londra, in mezzo ai civili, in mezzo alle grida disperate. Le tematiche toccate dal gioco sono forti e riguardano argomenti davvero contemporanei, che non sono affatto semplici da trattare. Fortunatamente, Call of Duty: Modern Warfare riesce anche a evitare un approccio eccessivamente apodittico all’argomento. Se in molte missioni ci si trova nei panni di soldati occidentali, in altre si vestono i panni dei ribelli dell’Urzikstan, che hanno intenti simili alle cellule terroristiche di Al-Qatala, vale a dire la liberazione del loro Paese. In particolare, ci sono missioni ambientate nell’infanzia della comandante dei ribelli, Farah, che mostrano la violenza che è stata usata contro il suo popolo e che portano a capire tanto i suoi motivi quanto quelli delle cellule terroristiche, di cui Farah e i suoi ribelli non condividono i metodi. In questa situazione è difficile fare una divisione netta tra buoni e cattivi. Ci sono personaggi ambigui tra le forze occidentali, ma ve ne sono anche negli altri gruppi. Infiltrarsi nei covi dei terroristi significa infiltrarsi in case di persone che non sono dei veri soldati, persone che hanno una famiglia, mogli, mariti e figli. Sono queste missioni, più di altre, che generano una sensazione contrastante, gettando veri dubbi su quale sia la cosa giusta da fare in queste situazioni. La campagna di Call of Duty Modern Warfare ha una tenuta narrativa che la serie non vedeva dai tempi di Black Ops 2, e che sicuramente rientra tra le migliori offerte dalla serie fino ad ora. Questo, grazie anche ad un cast di personaggi che rimane impresso, anche dopo l’avventura. Le storie dei quattro protagonisti sono ben delineate e, alla fine della campagna, è chiaro che i loro volti sono destinati a tornare presto, ma saranno accompagnati da alcune vecchie conoscenze. Chi vivrà vedrà. Volendo essere puntigliosi e trovare un difetto per questa modalità, possiamo dire che la durata della campagna è piuttosto breve, intorno alle sei/7 ore, e ad essere penalizzata è la parte finale. Il ritmo narrativo subisce infatti un’improvvisa accelerata verso la fine, che stona con il resto della storia. La sensazione che si ha una volta portata a termine la storia è infatti quella che manchi qualcosa per completare il tutto.

Lo step successivo alla Campagna in singolo è quello della modalità cooperativa Operazioni Speciali, che è possibile affrontare in locale (fino a 2 giocatori) e online (fino a 4 persone). Tale tipologia di gioco permette ai giocatori di affrontare missioni top secret ad alto tasso di adrenalina contro orde di soldati IA sempre più equipaggiati e letali. A differenza della storia proposta da Call of Duty Modern Warfare, però, questa modalità sembra realizzata in maniera piuttosto frettolosa, con poca cura per i dettagli ed asset che sembrano quasi nati per altri utilizzi. Una volta lanciata una delle missioni disponibili, ci si trova infatti in una gigantesca mappa con strade, edifici e punti di interesse basati su mappe storiche della saga, divisa in aree accessibili a seconda delle operazioni, che sembra palesemente creata per una qualche modalità Battle Royale non ancora rilasciata (ma si mormora che arriverà ad inizio 2020). Qui le missioni presentano obiettivi piuttosto semplici come l’uccisione di determinati nemici o la conquista di alcune aree, il tutto mentre si affrontano orde di soldati IA sempre più forti, che vanno dai soldati semplici fino ai temibili Juggernaut o altri che utilizzano carri armati ed elicotteri, fino a completare gli obiettivi per poi essere estratti da un elicottero per terminare la missione. Il tutto sembra molto bello se non che, ad oggi, raggiungere questo obiettivo è praticamente impossibile: infatti i nemici respawnano di continuo anche a pochi metri dai giocatori o addirittura alle loro spalle, e grazie al time-to-kill bassissimo che accompagna ogni modalità del gioco, restare in piedi è un’impresa disperata vista anche la scarsità delle coperture in giro per la mappa. L’unica strategia che funziona al momento, ma solo in alcune aree, sembra essere quella di nascondere un giocatore in un punto irraggiungibile all’IA, perché se qualcuno resta in vita anche i compagni morti possono rientrare dopo circa un minuto di attesa. Insomma, le operazioni speciali di Call of Duty Modern Warfare a nostro avviso rappresentano una modalità sfruttata male e che al momento offre pochi motivi per essere giocata. Tale tipologia di gioco necessiterà di diversi aggiornamenti per diventare degna di attenzione o quanto meno al pari di quelle viste nel 2009 con CoD MW2. Peccato davvero.

Differentemente dalle operazioni speciali, le modalità online di Call of Duty Modern Warfare raggiungono in pieno l’obiettivo: una partita tira l’altra ed è un piacere ritornare nelle mappe per un altro scontro. C’è da dire che fortunatamente quest’anno il multiplayer ha subito più di una rivoluzione soprattutto per quel che riguarda le modalità di gioco, che guardano sia a giochi di guerra su grande scala come Battlefield che a titoli che prediligono le lotte due contro due. Ovviamente è presente anche il multiplayer “classico”, dove due squadre di 5 o 6 giocatori si affrontano in mappe medio-piccole nelle classiche modalità che ormai famose della saga come il Deathmatch a Squadre, Cerca e Distruggi ma anche lo spassoso Attacco Hacker che ricalca le regole del CeD tranne che per il fatto che i compagni possono essere rianimati, creando così dinamiche di ingaggio molto più variegate con un 1v4 che può tranquillamente diventare 4v2 se il giocatore rimasto è bravo ad aggirare i nemici. On Call of Duty Modern Warfare anche le meccaniche di gioco hanno subito alcuni cambiamenti: velocità di movimento ridotta, tempi di mira allungati, possibilità di agganciarsi alle coperture per sbirciare più al sicuro e ottenere una mira più precisa a discapito della mobilità, mappe con tanta verticalità e dove lo scavalcamento degli ostacoli risulta molto più immediato rispetto a prima hanno portato a un approccio più cauto e meno da “Rambo”. Da tutto questo e da livelli di salute molto più bassi rispetto ai classici CoD ne deriva uno stile di gioco più fluido ma anche più lento e ragionato, amplificato dall’impressionante volume sonoro dei passi che rivelano rapidamente la posizione ai nemici circostanti e dal ritorno delle letali mine claymore. Ovviamente in Call of Duty Modern Warfare c’è anche la possibilità di personalizzare le proprie classi. Via il sistema Pick 10, si torna al sistema inventato nel 2007 da Infinity Ward stessa nel primo Modern Warfare, dove ogni slot ha un utilizzo specifico e vanno occupato per forza partendo dall’arma principale fino ad arrivare alle granate e ai perk. Tra questi si sottolinea la presenza di ritorni eccellenti come Fantasma, che nasconde i giocatori ai radar degli aerei spia, o un perk inedito che ricarica automaticamente ogni 30 secondi granate, claymore, flashbang o qualunque altro equipaggiamento in possesso del giocatore. La chicca del multiplayer di Call of Duty Modern Warfare però è l’Armeria, luogo dove è possibile creare migliaia di combinazioni letali per personalizzare al meglio qualunque arma, cambiandone anche drasticamente l’utilizzo. Insomma, in questo nuovo capitolo della serie sparatutto più famosa del mondo i contenuti non mancano di certo e non resta altro che vedere come se la caverà poi Infinity Ward con il supporto post-lancio. Al momento non ci sono neanche microtransazioni (con gli sviluppatori che hanno dichiarato di rilasciare tutte le mappe gratuitamente e di non introdurre meccaniche loot-box), mentre diverse novità come il cross-play tra tutti i sistemi e il supporto mouse e tastiera sono già delle novità più che benvenute. Presente ovviamente anche la localizzazione completa in italiano del titolo che rende l’avventura ancora più bella da vivere e totalmente immersiva.

Come già accennato, grazie al nuovo motore grafico Call of Duty: Modern Warfare porta la serie Activision verso nuovi standard qualitativi. Chiaramente ciò va a incidere sulle prestazioni del gioco in termini di frame rate e se vi state domandando su quale piattaforma gira meglio il titolo? Bene ecco il mostro responso riguardo la campagna: la maggiore risoluzione utilizzata da Infinity Ward su Xbox One X rende questa versione del gioco non sempre stabile e talvolta soggetta a cali anche abbastanza vistosi, cosa che di contro non accade su PS4 Pro dove la console Sony offre più stabilità a scapito di una qualità grafica leggermente inferiore. Per quanto concerne invece i modelli base, PS4 e Xbox One, la situazione appare decisamente più problematica dove il target dei 60 fps spesso e volentieri non viene raggiunto. Ovviamente, quest’utima analisi di Call of Duty Modern Warfare è mirata a evidenziare aspetti assolutamente non percettibili da occhi inesperti. Il titolo offre un’ottima esperienza su entrambe le console e ovviamente anche su Pc. Quindi, alla luce di quanto detto, se siete alla ricerca di uno sparatutto in prima persona che ricordi i CoD di fine decennio scorso, il nuovo prodotto di Activision e Infinity Ward sarà una vera e propria gioia. Con questo reboot della saga il brand sembra finalmente aver trovato la via d’uscita dal tunnel di buio e monotonia in cui era finita negli ultimi anni. Quindi, tirando le somme, siamo assolutamente certi che la riedizione del grande classico del 2007 sarà decisamente un prodotto apprezzato dalle nuove generazioni di gamers, ma anche da chi 12 anni fa giocava al titolo originale.

GIUDIZIO GLOBALE:

Grafica: 9

Gameplay: 9

Sonoro: 9

Longevità: 9,5

VOTO FINALE: 9

Francesco Pellegrino Lise

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

In evidenza

TikTok dall’app di successo al nuovo smartphone

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Annunciato a gran voce come il TikTok Phone, in realtà il “Jianguo Pro 3” (questo il nome del dispositivo) è soltanto prodotto dalla stessa società dietro l’applicazione in testa a tutte le classifiche di download del momento, Bytedance. Ufficializzato per il mercato cinese, il nuovo dispositivo non dovrebbe avere molte possibilità di giungere fin da noi in Europa ed è un peccato dato che si tratta di uno smartphone dalle caratteristiche davvero niente male. Lo smartphone Targato TikTok arriva sul mercato con un prezzo di ingresso tutt’altro che economico (2.899 yuan, l’equivalente di circa 410 dollari). Ovviamente fra i servizi preinstallati è presente Douyin, la versione di TikTok destinata agli utenti cinesi: basta passare il dito sulla schermata di blocco e immediatamente si applicano gli effetti e i filtri dell’app ai video in memoria. Definirlo lo smartphone di TikTok è però forse improprio, visto che proprio i portavoce di ByteDance hanno confermato come questo dispositivo sia di fatto la continuazione dei progetti già in essere prima dell’avvio della partnership con Smartisan, ma è certo che si tratti di un apparecchio con caratteristiche tecniche non banali. A livello tecnico il “TikTok Phone” si presenta con una dotazione da dispositivo di fascia alta, a cominciare dal processore Snapdragon 855 Plus, cui fa pendant una batteria da 4.000 mAh, per finire con un comparto fotografico forte di quattro camere posizionate sul retro (un sensore principale da 48 Megapixel, un obiettivo ultra wide da 13 MP, un teleobiettivo da 8 MP e una camera macro da 5 MP) e un sensore 20 megapixel per i selfie sulla parte anteriore del display, dove trova posto anche il sensore per il riconoscimento delle impronte digitali. Il telefonino di TikTok si troverà nei colori verde, bianco e nero, più che probabile la sua disponibilità tramite il mercato grigio d’importazione.

F.P.L.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Scienza e Tecnologia

Baldur’s Gate 1 e 2 arrivano su console

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Baldur’s Gate Enhanced Edition, pacchetto contenente Baldur’s Gate 1 e Baldur’s Gate 2 più le relative espansioni è finalmente arrivato su Xbox One, Ps4 e Nintendo Switch. Questa collezione, ci teniamo a sottolineare, fa parte di una linea di uscite che ripropongono i migliori gdr ispirati a D&D, quindi: Planescape Torment, Icewind Dale e Neverwinter. Dopo questa doverosa premessa, torniamo a Baldur’s Gate. L’importanza del brand per il medium dei videogiochi è indiscussa. Il capolavoro uscito nel lontano 1998 su Pc fu il primo esempio di come utilizzare le regole di Dungeons & Dragons in maniera credibile per sviluppare la struttura ludica di un videogioco. Ambientato nel mondo dei Forgotten Realms, il giocatore si trova a dover affrontare una vera e propria epopea disseminata di eventi epici e personaggi memorabili. A prescindere dalla console scelta per godere di questa storica Enhanced Edition – che pur conserva l’eccellente impronta pixellosa dell’originale – il lavoro del team di Beamdog è piuttosto evidente, e va ad impattare soprattutto sui controlli di gioco su Baldur’s Gate II, che poggia sull’ultima versione dell’Infinity Engine. In particolare, sebbene sia sempre possibile indirizzare il party verso un punto preciso attraverso la modalità tattica, adesso è possibile guidare il gruppo autonomamente utilizzando lo stick sinistro per farlo camminare e lo stick destro per direzionarlo, muovendo al tempo stesso la telecamera. Il controllo “sui pollici” è un chiaro requisito da console, che si sposa perfettamente con ciascuna delle piattaforme su cui approda questa Enhanced Edition. Ciò detto, la modalità tattica con il puntamento preciso nell’area della location rimane la più adatta quando non si è in fase esplorativa; ad esempio, dovrete utilizzarla per combattere o usare magie puntuali. Ovviamente anche l’interfaccia grafica è stata reinventata per adeguarsi alla navigazione da pad, con menu radiali e non, comandabili tramite dorsali e grilletti. Ottima anche la telecamera intelligente che, in modo autonomo, va a puntare sia gli oggetti di interesse che i personaggi, facilitando un po’ i controlli durante l’esplorazione dei dungeon e svecchiando, di fatto, un sistema di gioco estremamente rigido e complesso. La difficoltà di fondo legata al sistema Advanced Dungeon & Dragons rimane tutta, il che ne fa un titolo adatto soprattutto a chi già ne sa, perché un neofita andrebbe incontro ad una curva d’apprendimento estremamente rigida e non paragonabile agli action RPG attualmente in commercio sotto diversi punti di vista. Tuttavia, chi deciderà di non gettare la spugna dopo alcune ore, da un certo momento in poi riuscirà a sentire la difficoltà più dolce, complice sia un party più forte che l’ottenimento di una maggiore esperienza di gioco. C’è, poi, tutta la gestione delle arti magiche e delle caratteristiche dei personaggi, che richiedono davvero tanto tempo da investire per padroneggiare a dovere ogni aspetto di ciascuna avventura. In Baldur’s Gate è fondamentale non correre: il tempo speso a leggere le informazioni di corredo e a pianificare ogni attacco risulta essenziale, tanto per non morire dopo poche azioni, quanto per arrivare a un livello di coinvolgimento e appagamento post-vittoria che forse non ha ancora eguali. La cosa veramente ammirevole di questa coppia di giochi importantissima è il sistema di controlli. Adattare un gioco nato e cresciuto con mouse e tastiera per essere giocato con un controller non è assolutamente un’operazione semplice. Skybound Games e Beamdog hanno fatto un lavoro decisamente pazzesco: la mappatura dei comandi è fatta sulla falsariga di Pillars of Eternity, ma in Baldur’s Gate sembra addirittura funzionare meglio. Certo, siamo ben lontani dalla precisione e dall’accuratezza che mouse e tastiera concedono, ma è incredibile pensare di poter giocare in questo modo un gioco per computer storico come Baldur’s Gate.

Il sistema di combattimento segue delle regole modificate della seconda edizione di Dungeons & Dragons: per esempio, le battaglie in Baldur’s Gate sono molto più impegnative, e fanno molto più affidamento sui “roll”, esattamente come in una qualsiasi campagna di D&D. Non è raro che, soprattutto all’inizio, il party del giocatore cerchi di sconfiggere un mostro deboluccio impiegandoci una quantità di tempo forse pure un po’ troppo eccessiva: si vedono infatti i protagonisti mancare il nemico più e più volte, allungando la durata dello scontro. Infatti, nonostante la bontà estrema di questo sistema, è innegabile che sia Baldur’s Gate sia Baldur’s Gate 2 mostrano decisamente la loro provenienza da un’altra era videoludica. Al giocatore è infatti richiesto di calarsi completamente nel mondo di gioco, e di viverlo pienamente così da poter capire le pieghe più nascoste e vederne l’immenso valore. Trattandosi di videogiochi degli anni ’90, non esistono indicatori sulla mappa, o qualsiasi elemento che faciliti la progressione: Baldur’s Gate 1 e 2 non perdonano nessuna disattenzione. Quindi, soprattutto per i neofiti consigliamo caldamente di salvare molto spesso. Questo elemento può forse rappresentare quello più difficile da digerire per chi si avvicina a questi capolavori per la prima volta, ed è assolutamente normale. Baldur’s Gate 1 e 2 sono giochi molto complessi, che richiedono dedizione, ma che sono in grado di regalare esperienze che ben pochi altri giochi sono in grado di regalare. Come detto, la storia in tutti e due i giochi rappresenta uno degli aspetti più importanti, e il giocatore deve navigarla influenzandola con le proprie decisioni e azioni. Il mondo di gioco è vivo, vibrante, con un fortissimo carattere, popolato da una grandissima varietà di personaggi e personalità, alcuni dei quali si uniranno a noi nella nostra avventura, mentre altri cercheranno di metterci i bastoni tra le ruote. Ed è esattamente questa una delle qualità maggiori di Baldur’s Gate: l’incredibile complessità della storia e del mondo di gioco permettono al giocatore di affrontare l’esperienza dalla propria soggettività, dal proprio punto di vista. Dal punto di vista estetico, nonostante le migliorie tecniche, l’Enanched Edition di titoli con alle spalle 20 anni non può proporre certo miracoli grafici, ed è anche per questo che gli sforzi del team di sviluppo si sono concentrati sugli aspetti di gioco anziché su texture, ombre ed effetti di illuminazione. Se il lato tecnico non è stato quindi troppo ritoccato rispetto all’edizione speciale di qualche anno fa per pc, la versione console viene impreziosita anche dalla presenza di Siege of Dragonspear e Thrones of Bhaal, le due espansioni che chiudono l’arco narrativo della saga Baldur’s Gate. La prima è un’esperienza che va a collocarsi tra i due capitoli principali della serie, ed è molto importante perché non rientra nella versione base dell’Enanched Edition pubblicata per PC, anzi, ne è a sua volta uno spin-off. Thrones of Bhaal, invece, è più vecchiotto, e racconta gli accadimenti dopo l’epilogo di Baldur’s Gate II. In attesa della modalità multiplayer, per adesso solo presente nel menu ma senza alcuna proposta, le due espansioni vi regaleranno ancora tante altre ore di quest interessanti e importanti per approfondire la storia. Tirando le somme, possiamo dire che la grandezza di questa coppia di titoli è dimostrata dalla freschezza dell’esperienza, nonostante siano passati più di 20 anni dalla loro uscita originale. Questa collection presenta pure le varie espansione, rendendo il totale di ore di gioco per completare entrambi i titoli quasi incalcolabile. Certo, il prezzo della collection è un po’ altino considerando che questi giochi vengono letteralmente dallo scorso millennio; però, il sistema di controlli è stato implementato in maniera molto convincente, e in aggiunta, la possibilità di poter giocare in modalità portatile (su Intendo Switch) queste perle è semplicemente meravigliosa. Unica pecca veramente grave, riscontrata durante la nostra analisi su Xbox One, è la totale assenza della compatibilità con la lingua italiana. Elemento davvero devastante se non si mastica l’inglese in quanto entrambi i giochi sono costellati di dialoghi e testi che devono essere compresi bene. In entrambi i Baldur’s Gate, infatti, trascurare libri, documenti o dialoghi, vuol dire non riuscire a completare come si vuole le quest o addirittura rimanere bloccati. Proprio per tale ragione speriamo che presto vengano adattati i dialoghi e i testi in italiano, proprio come già erano presenti più di 20 anni fa. Ovviamente se si è appassionati di Dungeson’s & Dragons, ma anche di Gdr in generale, questa collezione va assolutamente giocata. Se invece si è alla ricerca un titolo veloce, di facile comprensione e poco complesso, I capitoli 1 e 2 della saga di Baldur’s Gate non vanno presi in considerazione. Detto ciò è bene ricordare che questa collezione rappresenta un vero e proprio gioiello per chi, come chi scrive, ha amato e giocato le versioni originali dei titoli, ma è anche un punto d’inizio per tutti quei nuovi giocatori che vogliono approcciare al mondo dei gdr in maniera seria e complessa.

GIUDIZIO GLOBALE:

Grafica: 7

Sonoro: 8,5

Gameplay: 8

Longevità: 9

VOTO FINALE: 8

Francesco Pellegrino Lise

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it