1

BRUXELLES: L'ATTENTATORE DELLA METROPOLITANA MAELBEEK E' PASSATO ANCHE IN ITALIA

di Angelo Barraco
 
Bruxelles – Khalid El Bakraoui, l’attentatore suicida che si è fatto saltare in aria nella metropolitana di Maelbeek sarebbe transitato in Italia lo scorso anno per dirigersi in Grecia. E’ quanto emerge dalle indagini che stanno conducendo gli inquirenti. Il Belgio sta vivendo un periodo di grande tensione, conseguenza diretta agli attentati che hanno dilaniato la città e l’animo dei cittadini e sommato alla paura determinata da un ulteriore paura di nuovi e possibili atti terroristici. Una costante che porta instabilità, nervosismo e ulteriori scontri. E’ esattamente quanto successo nella giornata di ieri, 27 marzo, tra Polizia e 450 Hooligan di estrema destra in piazza a Bruxelles, nel corso del memoriale delle vittime degli attentati. Lo scontro è avvenuto a Place de la Bourse, gli Hooligan erano tutti vestiti di nero e facevano il saluto romano. Vi era un divieto di fare marce contro la paura. Il Sindaco ha riferito: “Sono scandalizzato da questi farabutti che vengono a provocare gli abitanti di Bruxelles sul luogo dell'omaggio alle vittime. Siamo stati avvertiti ieri della loro possibile venuta, e constato che nulla è stato fatto per impedire di venire. Mi aspetto una reazione del Governo federale”.   Ma la macchina investigativa non si ferma e sono si arresta e sono stati posti in stato di fermo circa 10 soggetti. Emerge inoltre che a Rotterdam è stato arrestato un uomo che stava preparando un attentato. Gli inquirenti sostengono che il terrorista “sia coinvolto nella preparazione di un attacco terrorista”. Si tratta di un francese di 32 anni, ma la sua identità non è nota. Verrà estradato in Francia. Non si ferma l’ondata di arresti in Belgio, sono state fermate 13 persone a Bruxelles, Malines e Duffes. A riferirlo e la Procura Belga. Tre operazioni a Bruxelles, quattro a Malines e tre a Laeken. Tra Duffel, Molenbeek e Anderlecht si sono svolte le altre operazioni. Quattro dei tredici fermati sono ancora detenuti, gli altri sono a piede libero.