1

CASTEL GANDOLFO, MILVIA MONACHESI: PRONTA AD AMPLIARE LA SQUADRA DI GOVERNO

Redazione 

Castel Gandolfo (RM) –  Il sindaco di Castel Gandolfo Milvia Monachesi ha scritto una nota personale per chiarire la sua posizione messa in discusisone da una certa stampa (non dal nostro quotidiano L'osservatore d'Italia). Ecco la nota del primo cittadino Milvia Monachesi: 

Al ritorno da una settimana di ferie e di allontanamento da Internet, ho letto oggi con sorpresa che starei attraversando, come sindaco,  una dura crisi politica, che starei studiando anche varie ipotesi di rimpasto, con tanto di nomI, e che avrei affermato di non essere disponibile a ricandidarmi al termine del primo mandato….. non c’è assolutamente nulla di vero in tutto ciò! Credo che la politica, e anche la comunicazione giornalistica, debba essere ben altro che pettegolezzi e illazioni, dannose per chi le scrive e per chi le legge, e proprio per questo sento la necessità di fare chiarezza. 

Dopo l’eccezionale risultato elettorale delle ultime elezioni europee, la responsabilità politica del mio partito è ulteriormente cresciuta e a livello nazionale, regionale e provinciale è iniziata un’azione forte per eliminare divisioni e contraddizioni che possano in qualsiasi maniera rallentare l’azione politica del PD.

 Per questo il segretario provinciale del PD Rocco Maugliani ha tenuto a Castel Gandolfo un direttivo per invitarci a superare la situazione paradossale che vede il nostro direttivo diviso in tre parti, con il segretario e 9 componenti che rappresentano la maggioranza amministrativa comunale, 5 componenti che rappresentano parte dell’opposizione (Gasperini e Toti), e 2 componenti che rappresentano il Presidente del Consiglio (che vota “secondo coscienza” a volte con la maggioranza e a volte con l’opposizione). 

Come sindaco mi sono subito resa disponibile ad aprire un dialogo, ben sapendo che non sarebbe stato facile a livello personale riuscire mettere da parte la storia che ci ha portati fin dove siamo oggi. Ma credo che l’interesse generale e  del mio partito debba avere la precedenza su tutto e su tutti.

Due anni fa la mia coalizione ha vinto le elezioni, e da allora stiamo governando pur nelle mille difficoltà economiche, sociali e giuridiche che tutti conosciamo. Abbiamo rinnovato nei nomi, nell’età e soprattutto nei metodi il modo di governare, cercando il massimo coinvolgimento dei cittadini senza alcuna distinzione, per promuovere un nuovo senso di appartenenza e protagonismo. Abbiamo dato la priorità al sociale, alla cultura e alla promozione del turismo e dell’ambiente, lavorando contemporaneamente al risanamento del bilancio e alla conclusione dell’iter del Piano regolatore e del Piano di Edilizia Economica e Popolare (che sarà portato in Consiglio entro ottobre). Abbiamo avuto purtroppo molti ricorsi che hanno rallentato l’avvio della raccolta differenziata e dato alcuni  problemi nel servizio di pulizia urbana sul nostro territorio, con  ben tre imprese che si sono succedute nell’incarico, ma anche qui il traguardo dell’avvio della differenziata è ormai imminente. 

Voglio con questo sottolineare che la scelta di apertura è unicamente il gesto di chi si sente forte del mandato ricevuto dai cittadini e proprio per questo disponibile ad ampliare senza timore o arroccamenti difensivi la squadra di governo, alla sola condizione che questo senso di responsabilità e di oggettività sia condiviso anche da chi vorrà entrare. 

Il dialogo al quale ci rendiamo disponibili dovrà quindi essere un dialogo inclusivo e non esclusivo, con una visione generale e non personale, con chi è disponibile a mettersi in discussione con generosità e mai  con chi ha l’arroganza di ritenersi indispensabile, continuando a ignorare che nessuno lo è.