1

SINAI, DISASTRO AEREO: C'ERA UNA BOMBA NELLA STIVA

di Angelo Barraco
 
Continuano senza sosta le indagini in merito al disastro aereo del Sinai, adesso a parlare sono gli inquirenti britannici che attribuiscono l’esplosione ad una bomba che si trovava nella stiva del velivolo. La notizia la si apprende tramite la BBC online, dove si legge inoltre che gli inquirenti sospettano che qualcuno che poteva accedere alla stiva dell’aereo abbia collocato la bomba o all’interno di un bagaglio o sopra uno di essi, il tutto prima del decollo. Gli inquirenti britannici, in piena fase investigativa, non escludono l’ipotesi del guasto anche se le voci di un attentato diventato sempre più frequenti e l’ombra del sospetto è sempre più presente verso chi indaga. Un elemento che poteva e doveva far luce sulla vicenda era senza ombra di dubbio la scatola nera del velivolo, ma fonti vicine alle indagini riferiscono i dati raccolti dalla scatola nera non aiutano a chiarire la situazione ed emerge inoltre che “tutti i sistemi funzionavano regolarmente e l’aereo dopo il decollo ha quasi raggiunto l'altezza prestabilita, dopo è avvenuto un evento dopo il quale la registrazione di tutti i parametri si è fermata in un attimo”. 
 
In merito all’attentato ha espresso la sua opinione anche il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama che per la prima volta cha riferito in un’intervista “Credo ci sia la possibilita' di una bomba a bordo dell'aereo precipitato nel Sinai e la stiamo valutando seriamente”, anche David Cameron sostiene si sia trattato di una bomba: “E' più probabile che sia stata una bomba”. Tanti sono i voli sospesi in seguito all’attentato poiché molte compagnie hanno deciso di non volare su quel tratto. 
 
Fonti dell’intelligence Usa citate dalla Cnn riferiscono che a causare l’esplosione dell’aereo russo sarebbe stata una bomba che si trovava all’interno di una valigia o all’interno di un bagaglio a mano.
 
Le fonti precisano inoltre che la matrice dell’attentato sarebbe l’Isis o un gruppo affiliato. La fonte ha riferito che le indagini non sono ancora concluse. L’ipotesi che viene avvalorata sarebbe quella del bagaglio portato a bordo grazie a due elementi che hanno permesso ciò: la mancanza di controlli nello scalo e la complicità di un impiegato dell’aeroporto di Sharm el-Sheik. Intanto i jihadisti dell’Isis tornano a parlare dell’incidente aereo con un nuovo messaggio: “Non siamo obbligati a svelarvi il modo in cui abbiamo abbattuto l'aereo, ma ve lo diremo solo quando e come vorremo noi. Voi controllate le scatole nere, visionate il relitto e provate a confermare che non è stato abbattuto, se ci riuscite. Noi l'abbiamo abbattuto, voi morirete di rabbia”. Il messaggio audio è stato pubblicato su diversi siti jihadisti. Una prima analisi, seppur parziale, esclude l’impatto esterno, a riferirlo è Miles O’Brien, analista dell’aviazione Usa che alla CNN ha riferito: “il numero dei lampi di calore è fondamentale: se ne è stato rilevato uno solo , questo in qualche modo potrebbe allontanare l'ipotesi del lancio di un missile e portare all'idea di un'esplosione a bordo dell'aereo”. Il presidente Valdimir Putin, ad un incontro tenutosi pochi giorni fa in merito ad disastro aereo ha riferito che le indagini sullo schianto A-321 dovranno andare avanti sino a quando sarà necessario. L’incontro si è tenuto con il ministro dei Trasporti Maxim Sokov che ha aggiunto: “Non ci sono dubbi che tutto debba essere fatto per avere un quadro obiettivo di quanto accaduto, agire di conseguenza”. In seguito all’attentato molti voli sono stati sospesi, l’irlanda non volerà  su quello spazio aereo fino a nuovo ordine, la Gran Bretagna ha sospeso i voli. 
 
Pochi giorni fa l’Isis ha reso noto un video in cui esulta in merito allo schianto dell’aereo russo nel Sinai e definiscono Vladimir Putin un “maiale”, inoltre nel video riferiscono che quanto è accaduto è soltanto l’inizio e questa sarebbe una vendetta per i raid in Siria. Nel video reso noto riferiscono “Invaderemo il vostro Paese e uccideremo la vostra gente”. Ma non è possibile verificare l’autenticità del video. Intanto Russia ed Egitto hanno negato l’autenticità delle precedenti rivendicazioni sulla tragedia da parte dell’Isis. Ricordiamo che l’ipotesi terrorismo era stata smentita dal ministro dei Trasporti russo Maksim Sokolov, ritenendola non attendibile. avevaa dichiarato inoltre: “Ora diversi mass media pubblicano informazioni variegate secondo cui l'aereo sarebbe stato abbattuto da un missile antiaereo lanciato dai terroristi. Questa informazione  non puo' essere considerata attendibile”. Intanto sul luogo in cui è avvenuto lo schianto sono stati trovati degli “elementi che non hanno a che fare con la struttura del velivolo”. Gli elementi in questione ovviamente potrebbero essere “materiale trasportato dai passeggeri, per esempio di attrezzature per l'immersione”, ma saranno le analisi sulle scatole nere a dare risposte a quanto è accaduto.
 
La vicenda. Il mese di ottobre si è chiuso con una tragica notizia che ha scosso tutto il globo, un aereo di linea russo è precipitato nel Sinai centrale, in Egitto. A bordo c’erano 224, tra cui diversi bambini, nessun membro dell’equipaggio si è salvato. L’aereo, un Airbus A-321 della piccola compagnia siberiana Kogalymavia, era decollato in mattinata da Sharm el-Sheikh per San Pietroburgo. L’aereo è precipitato in una zona in cui combattono i jihadisti dell’Isis ma fonti della sicurezza egiziana hanno attribuito l’origine del disastro ad un “guasto tecnico” e quindi hanno escluso l’atto terroristico. Ma emerge inoltre che il comandante dell’aereo precipitato aveva chiesto un atterraggio di emergenza,   l'ente aeronautico russo Rosaviatsia ammetteva che si erano perse le tracce dell'aereo sulla penisola del Sinai e che 23 minuti dopo il decollo, avvenuto "alle 6.51 ora di Mosca" da Sharm el-Sheikh, meta turistica molto in voga tra i russi, l'Airbus non aveva "contattato Larnaca (Cipro)" come previsto ed era "scomparso dai radar".  Putin intanto ha ordinato l’avvio delle indagini in merito a quanto accaduto.