Connect with us

Latina

SANTI COSMA E DAMIANO, EMERGENZA IDRICA: CITTADINI IMBUFALITI, IL COMUNE DIFFIDA ACQUALATINA

Clicca e condividi l'articolo

il primo cittadino aveva chiesto alla società idrica di riportare alla normalità, in breve tempo la situazione

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Red. Cronaca

Santi Cosma e Damiano (LT) – Diffidata Acqualatina per la gestione idrica che ormai da una ventina di giorni investe alcune zone del comune di Santi Cosma e Damiano in provincia di Latina. Il Sindaco Vincenzo Di Siena, ha fatto sapere che dopo i disagi delle scorse settimane si era provveduto a convocare immediatamente i responsabili della società idrica Acqua Latina per comprendere le ragioni di questo disagio e soprattutto per lamentare la disinformazione che, certamente, non ha aiutato, rendendo ancora più grave il disagio stesso, anche in coincidenza con il picco delle temperature estive che si stanno registrando in questi giorni.
Nell’incontro era emerso che la causa principale era dovuta ad una forte e grande perdita registratasi nei pressi della sorgente di capodacqua alla quale si stava lavorando con continuità per cercare di riportare la situazione alla normalità. Nel corso dell’incontro, il primo cittadino di Santi Cosma e Damiano, aveva chiesto di riportare alla normalità, in breve tempo la situazione e, nel frattempo, di potenziare l’informazione per consentire alla popolazione di potersi organizzare e, soprattutto, qualora si fosse resa necessaria una razionalizzazione per consentire il ripristino della sorgente, di farla in fasce orarie accessibile potenziando anche la fornitura sostitutiva per le ore di assenza del servizio, condizioni queste ultime puntualmente non osservate.

“Per cui” ha dichiarato il Sindaco Di Siena, “poiché sono trascorsi altri giorni senza che nulla sia cambiato e soprattutto nella continua assenza di informazione e predisposizione di servizi sostitutivi da parte della società Acqualatina, abbiamo provveduto a diffidare la stessa a provvedere al ripristino immediato del servizio e, nel contempo a garantire l’informazione continua e costante sugli orari di erogazione nelle zone interessate, qualora si dovesse rendere necessaria una razionalizzazione dovuta alla risoluzione del problema creatosi nei pressi della sorgente, ed alla contemporanea predisposizione dei servizi sostitutivi”.

Sul punto è intervenuto anche il Vice Sindaco, Vincenzo Petruccelli, il quale ha commentato come indecente questo modo di gestire il problema che rende impossibile anche a chi amministra il territorio di poter dare spiegazioni e risposte ai cittadini, sistema questo che è inaccettabile oltre che ingiustificabile, in quanto tende a considerare gli amministratori dei comuni che sono soci della società e gli stessi cittadini che sono i fruitori del servizio, peraltro ben pagato, quasi come fossero degli estranei. Se la situazione dovesse persistere, ha concluso l’Assessore Petruccelli, non è escluso che si possa dare luogo a forme di protesta anche eclatanti, perché affrontare queste temperature, soprattutto con anziani soli e bambini piccoli, senza acqua e, soprattutto, senza sapere se, come e quando poterla utilizzare, riporta questo territorio indietro di cento anni. Auspico che i nuovi sindaci neo eletti nelle città medio grandi (Latina, Terracina, Nettuno), che sono i soli, per motivi numerici, a poter fare la differenza, insieme ad altri sindaci che hanno a cuore l’interessi delle proprie comunità, mettano mano alla gestione di questa società ricordando è al servizio dei cittadini e non di determinate forze che fino ad oggi l’hanno gestita o di altre che hanno tentato inutilmente di conquistarne la gestione.

 
 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Cultura e Spettacoli

Arti e tradizioni popolari, a Maranola torna il festival “La Zampogna”: l’appuntamento con la musica e cultura tradizionale da non perdere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

LATINA – Tutto pronto per la XXVI edizione di “La Zampogna – Festival di Musica e Cultura Tradizionale” che si svolgerà il 16 e 17 novembre a Maranola (LT).

Il festival sarà anticipato da un concerto in anteprima a Roma, nel prestigioso Auditorium Parco della Musica, istituzione che collabora al Festival.

“La Zampogna – Festival di Musica e Cultura Tradizionale” rappresenta uno dei festival più importanti in Italia nel panorama della musica popolare e della world music ed è punto di riferimento obbligato per specialisti, musicisti e appassionati.

Questa edizione si svolge esattamente un mese prima dell’inizio della Novena di Natale. Una occasione quindi speciale per prepararsi al periodo di maggior utilizzo di questi strumenti musicali e per incontrare, nei giorni del Festival, musicisti, liutai, studiosi, organizzatori di eventi culturali, giornalisti del settore e un pubblico entusiasta, che conferma quanto sia forte ed in costante aumento, l’attenzione verso questo fondamentale strumento musicale della tradizione popolare italiana.

Molti sono gli artisti presenti nel programma di concerti e di seminari e tanti i suonatori tradizionali e giovani interpreti di zampogna e ciaramella provenienti da tante regioni italiane e dall’estero che affolleranno le strade del centro storico del paese.

Ma il Festival è anche un’occasione unica per avere un contatto diretto con alcuni tra i liutai più importanti della penisola, attivi come costruttori di zampogne, pive, ciaramelle, bombarde, tamburelli e altri strumenti tradizionali.

La mostra-mercato di liuteria tradizionale di Maranola è considerata infatti tra gli appuntamenti più rilevanti del settore e una tappa fondamentale per chi intende acquistare strumenti musicali, oggettistica tradizionale, attrezzi di uso pastorale legati al mondo della zampogna e degli zampognari.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

In evidenza

Latina, atto vandalico al coordinatore comunale della Lega Armando Valiani

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

“La famiglia della Lega, a partire dai militanti di tutta la provincia, si stringe intorno al coordinatore comunale di Latina del partito Armando Valiani, al quale sono stati tagliati nei giorni scorsi i pneumatici dell’auto nel centro della città”. Così in una nota il coordinatore regionale della Lega Francesco Zicchieri, il coordinatore provinciale del partito Silviano Di Pinto, il deputato e l’eurodeputato del Carroccio Claudio Durigon e Matteo Adinolfi e il capogruppo del partito in Consiglio regionale Orlando Angelo Tripodi. “Sia fatta chiarezza sul gravissimo gesto – commentano gli esponenti della Lega – probabilmente legato all’azione del partito sul territorio, di cui Valiani è uno dei protagonisti, il che dimostra come la Lega sia sulla strada giusta per rilanciare la città, la provincia e il Lazio. Rafforzeremo la nostra presenza sul territorio e non abbasseremo mai la guardia, ma sia chiaro: #siamotuttiArmandoValiani”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cultura e Spettacoli

Latina, “Dio arriverà all’alba”: lo spettacolo in omaggio ad Alda Merini al Teatro Moderno

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

LATINA – TeatroSenzaTempo celebra il decennale dalla scomparsa di Alda Merini presentando DIO ARRIVERÁ ALL’ALBA – OMAGGIO AD ALDA MERINI Scritto e diretto da Antonio S. Nobili.
L’ emozionante spettacolo dedicato ad Alda Merini va in scena presso il Teatro Moderno di Latina in una unica data evento Sabato 26 Ottobre 2019 alle ore 21:00

“Si ride (tanto), come non ci si aspetterebbe, si piange, e alla fine si resta estasiati davanti a tanta poesia. Uno Spettacolo unico ed imperdibile, da vedere!”

Uno Spettacolo biografico originalissimo. In scena non solo la poesia, ma soprattutto il quotidiano della “poetessa dei Navigli”. Una finestra affacciata verso l’interno. Alda Merini, la poetessa, la madre, la folle capricciosa truccatissima e ingioiellata frequentatrice del Costanzo Show.

Una vita un po’ illuminata dai riflettori, un po’ no. La poetessa vissuta tra il tentativo di abbracciare la normalità sottraendosi alla maledizione della poesia, e l’insistere eroico e fragile, con sofferenza e feroce ironia, nel dare alla luce sempre nuove e caparbie produzioni, sempre con le parole in bocca e nelle mani. Sempre pronta a provocare, come a farsi carico di sollevare anime al di là del muro del normale, del socialmente accettabile e conforme alle regole.

Una poesia che nello Spettacolo “Dio arriverà all’alba” sorge dove non ci si aspetterebbe mai, tra i mozziconi di un posacenere, tra la polvere sui mobili e le cianfrusaglie da rigattiere, sui tasti di un pianoforte di una casa popolare.

L’Alda Merini che Nobili porta sul palcoscenico è capricciosa, tagliente, divertente, prende in giro chi la va a trovare, è piena di vizi, guarda la tv color sul primo, beve solo coca cola e caffè, e fuma 40 sigarette al giorno, come minimo. Ma sa fare poesia. Perché la poesia e la bellezza di dentro possono riflettersi all’esterno, malgrado il vetro sporco dello specchio.

“Dio arriverà all’alba” rappresenta ad oggi una evocazione unica di un personaggio entrato nella Storia di questo Paese. Uno spettacolo imperdibile per la Critica ed il Pubblico.

Parte dei proventi del libro dello spettacolo saranno devoluti in beneficienza al Progetto Itaca, che supporta le famiglie di persone affette da patologie psichiatriche.



Print Friendly, PDF & Email
Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it