1

Anguillara Sabazia: cara sindaca… i cari estinti attendono risposte [1 puntata]

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Nessuno è a conoscenza dei rapporti, qualora ce ne fossero, tra l’amministrazione comunale di Anguillara Sabazia e l’aldilà. Si può solo immaginare, perché non potrebbe essere altrimenti, che i cari estinti siano molto infastiditi per aver creduto ed ora essere rimasti delusi. Ed è più insidiosa la maledizione di un estinto che la vendetta di un vivente.

I fatti:

Il 4 agosto 2017, la Giunta comunale guidata dal sindaco Sabrina Anselmo, con delibera n. 114 approvò il progetto di fattibilità tecnica ed economica per realizzare i lavori di ampliamento del cimitero cittadino.

La sindaca, il 10 agosto dello stesso anno annunciava, sul suo profilo istituzionale facebook: “… l’amministrazione ha ritenuto urgente e improcrastinabile questo intervento con lo scopo di poter offrire un servizio cimiteriale più efficiente ai nostri cittadini.”

Alla notizia si riusciva ad ascoltare un canto di gioia tra le tombe proveniente dall’aldilà

I cari estinti avevano creduto alle parole della Anselmo. Quest’ultimi, ai quali non si può nascondere nulla, avevano preso visione della delibera il cui testo non lasciava spazio ad alcun dubbio: “Preso atto, il progetto… (omissis) ..prevede la realizzazione su due piani di n.768 loculi… (omissis)… per un costo complessivo di euro 1.431.000,00….(omissis)….. SOMME A DISPOSIZIONE DELL’ AMMINISTRAZIONE.” E oggi i defunti ancora aspettano che il gruppo di lavoro formato dal Geometra Di Donato, Geometra Nadir Ramaccioni e Geometra Gianluca Chiavari battano un primo colpo. Alla luce di come stanno le cose, il finale della delibera 114 aggiunge – alla beffa? – chiosando “Da dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile ai sensi dell’art.134 comma 4 del T.U.267/2000”.

Che dire? Siamo alle porte del 2019 ma l’incuria inizia molto prima

E’ proprio il caso di dire che ad Anguillara Sabazia non c’è pace per i morti. Se si clicca su questo link [CLICCARE QUI], ci si rende conto che i nostri morti sono stati sempre oggetto di “equivoci” per usare un eufemismo. Il link proposto tratta della delibera di Giunta n. 209 del 29.12.2017 dove si incontrano i soliti presenti ed i cronici assenti. La giunta fu allora convocata perché era emerso che la ATI OMERGA s.r.l. Tatangelo s.r.l. per l’affidamento in regime di concessione del completamento del cimitero comunale, dopo 10 anni, dal 13 settembre 2005, da una esamina della convenzione, il Comune si accorse di alcune inadempienze contrattuali riguardo l’ampliamento da parte della società affidataria del servizio vendita loculi. La Giunta decise di evitare un eventuale (?) contenzioso e optò per la via stragiudiziale. Seguì la solita prassi dell’incarico a un avvocato, nomina di un responsabile mentre i morti aspettavano.

Che l’ampliamento del cimitero non fosse in cima ai pensieri dell’amministrazione se ne ebbe la conferma più tardi. Intanto già si preparavano le mosse per ovviare all’emergenza, scartando l’ipotesi oppure se si vuole, rimandando a sine die i lavori dell’ampliamento del cimitero.

Quest’altro link [CLICCARE QUI] tratta invece della delibera di Giunta n. 82 del 7 giugno 2017 e sempre con i soliti 3 assessori presenti e 2 assenti si decise: “Che nelle more dell’approvazione delle modifiche al suddetto regolamento – di polizia mortuaria Ndr. – si rende necessario impartire disposizioni urgenti onde poter garantire la sepoltura in caso di decesso, così come previsto dalla normativa di riferimento in merito.”

Ad Anguillara Sabazia non c’è un’emergenza abitativa, al contrario ci sono troppi immobili in vendita sul mercato. L’emergenza è altrove

Ci sono si e no 6 agenzie immobiliari e solo chi non vuole vedere non ammette che l’emergenza immobiliare non esiste. Queste agenzie hanno elenchi interi di immobili da vendere, immobili per tutti i gusti, tutte le tasche.

Ad Anguillara Sabazia c’è solo qualche agenzia funebre che magari può disporre di qualche loculo da proporre

Ciò detto la gente ad Anguillara non capirà mai l’utilità per la comunità dei piani integrati che la sindaca Anselmo ha tenuto tanto a portare in Aula per la riqualificazione di un’area ubicata in località “I Grassi”. E la giustificazione che l’Amministrazione ha l’intenzione di utilizzare la somma spettante di 3 milioni 614 mila euro in opere pubbliche non convince. Da qualche parte qualcuno recita ancora il detto: “Campa cavallo che l’erba cresce”.

A proposito di loculi

Oggi i loculi sono all’ordine del giorno. La Giunta Anselmo si è dimostrata fedele alla sua ostinazione nel non volere ascoltare la voce del caro estinto e lo scorso 26 settembre con Ordinanza Dirigenziale è stata annunciata la temporanea requisizione dei loculi cimiteriali. Su questo provvedimento tratteniamo ogni giudizio perché ci riserviamo di ritornarci più esaurientemente in seguito. Per oggi preme concludere confermando che a proposito di loculi: Se qualcuno acquista un loculo vuol dire che c’è qualcun altro che vende un loculo; vuol dire anche che al mappale cimiteriale si dovrebbe procedere al cambio della proprietà. Ma si sa che per i loculi in concessione, l’articolo 4 del contratto di concessione “…..vieta il trasferimento a terzi sia per vendita che per donazione”. La gente comune non lo sa ma la polizia mortuaria lo sa e il caro estinto dall’aldilà guarda e annota.

Anguillara, scoppia l’emergenza tombe: la giunta Anselmo requisisce i loculi cimiteriali ai privati

Emanuel Galea