1

LANUVIO E GENZANO: SENZ'ACQUA DA 40 ORE. E' EMERGENZA IDRICA. SI ASPETTA UNA RISPOSTA URGENTE DA ACEA!

C.R.

Lanuvio, Genzano (RM) – In molte zone di Lanuvio e Genzano manca l’acqua da oltre 40 ore. E’ una situazione da terzo mondo che interessa centinaia di residenti. L'Acea dovrebbe dare una risposta immediata. E’ assurdo: d’estate senza la possibilità di farsi una doccia, mettere una lavatrice, pulire il pavimento. Le condizioni igienico sanitarie dei residenti colpiti dal disservizio sono davvero precarie. A Lanuvio la situazione è critica in via delle Selve e vie limitrofe dove per cucinare un piatto di pasta si riempiono le pentole alla fontana. Dalla notte di martedì 30 luglio nella zona Artigiana a Genzano manca l'acqua. Le amministrazioni, che hanno il contatto diretto con i cittadini, non sanno più cosa rispondere perché l’Acea, responsabile dei disservizi, non fornisce date certe ai fini del ripristino della gravissima mancanza. Al numero verde Acea immettendo i codici di avviamento postale dei due Comuni, un ripetitore automatico si scusa del disservizio. Le persone sono furiose e in molti pensano ad una mobilitazione di massa. Rivogliono l’acqua un bene comune e inalienabile.

Intanto Mara Elisa Bevilacqua, consigliere di maggioranza (Fds) scrive una nota pubblica sulla questione:

Mentre sembrava che con i lavori di miglioria, gentilmente concessi da Acea, il problema della carenza d'acqua fosse più o meno risolto, putroppo in molte zone di Genzano siamo ancora senza acqua. Tra sabato e domenica, come comitati acqua territoriali, abbiamo fatto un seminario a Genzano in cui discutere delle pratiche da mettere in campo per ottenere il rispetto dell'esito referendario, e un'acqua di quantità almeno sufficiente e di qualità quantomeno corrispondente ai parametri. Ma mi chiedo da cittadino e da amministratore, che sulla questione idrica è scippato da un gestore privato del proprio ruolo decisionale, è sufficiente quello che stiamo facendo?

Genzano ha una mozione approvata nel 2010 in cui si chiede di operare controlli sulla qualità dell'acqua operati da un ente terzo e non solo dal gestore, ha inserito nel proprio statuto nel 2011 il principio che l'acqua è un bene comune privo, quindi, di rilevanza economica, ha inoltre intavolato un percorso con altri sindaci della zona per ottenere la variazione del regolamento dei rapporti tra gestore Acea e amministrazioni locali (percorso che però si è arenato, ma che invece andrebbe ripreso).

Ma evidentemente non basta, anche perchè l'emergenza idrica prosegue e l'amministrazione diventa l'interfaccia dei cittadini a cui non può che rispondere che fa pressioni su Acea per avere il rispetto delle regole di fornitura, ma Acea, forte di una convenzione, nonchè di un monopolio de facto sulla gestione dell'acqua, con tracotanza ci lascia senz'acqua e anche indignati.

Ma è ora di passare dalla frustrazione del cittadino che non riesce a farsi riconoscere i propri diritti, dalla frustrazione dell'amministratore locale che cerca di far rispettare i contratti all'ottenimento di ciò a cui, come cittadini, abbiamo diritto.

Penso che ormai non rimanga che discutere con la cittadinanza tutta, magari in piazza, magari in un consiglio comunale aperto, di una strategia che imponga davvero e una volta per tutte a Acea il rispetto dei termini della convenzione, pena una messa in mora, penso che sia ora di costruire un fronte reale e compatto in grado di ridisegnare i termini del regolamento, perchè non è possibile che vincendo un referendum in cui si stabilisce che l'acqua non è un bene privato, che avendo un contratto mondiale dell'acqua in cui si fissa la quota di 50 lt al giorno a persona come quota minima, non è possibile stare senz'acqua.

Altrimenti qui siamo al punto che i cittadini se la prendono con le amministrazioni, le amministrazioni dimostrano tutta la loro impotenza di fronte a un gestore monopolista e tracotante e tutti siamo privati di un bene che è nostro e della nostra capacità democratica.

Dal seminario di sabato e domenica è emersa una serie di pratiche messe in campo anche in altrri territori, discutiamo di quale pensiamo che sia meglio mettere in campo qui da noi, ma troviamo un modo per evitare che la frustrazione abbia il sopravvento e per ottenere davvero ciò che è nostro.

LEGGI ANCHE:

20/06/2013 GENZANO: INTERPELLATA, L'ACEA RISPONDE. IL GESTORE ALL'OPERA IN RETE PER "SPOSTARE" GLI APPORTI IDRICI



LANUVIO, CAMPOLEONE: PARCHEGGIO "ASPETTA E SPERA" DA TRE ANNI

Nazareno Ferrazza – coordinatore Castelli Romani – Aprilia del Partito Liberale Italiano.

Lanuvio (RM) – Campoleone in forte ritardo la realizzazione del parcheggio in corrispondenza della rotatoria posta tra la strada provinciale cisterna Campoleone e la strada comunale di accesso alla stazione di Campoleone nel comune di Aprilia  e la strada e la strada provinciale Laviniense che collega Lanuvio a Campoleone e la strada Regionale Nettunense.

L’incrocio ha proprio bisogno di questo parcheggio, infatti, nelle vicinanze dell’incrocio, vi é un bar, ufficio postale, una banca, un tabaccaio e altre attività. La mancanza di parcheggio, talvolta intralcia la scorrevolezza dell’incrocio e delle strade che intersecano.

Per arginare il problema i proprietari di un terreno attiguo alla rotatoria, hanno ceduto alla Provincia di Latina a titolo gratuito il terreno della superficie di mq 1500, i proprietari lo fanno in cambio della realizzazione di un parcheggio pubblico a servizio della comunità cittadina, la donazione e condizionata dalla realizzazione dell’opera pubblica, quindi se non fanno l’opera perderanno anche il terreno.

L’importo approvato dalla Provincia di Latina è di euro 120.853,58. Sono passati quasi tre anni da quando la Giunta Provinciale ha approvato il progetto preliminare, era il 30 settembre 2010, il 26 luglio 2012 ben due anni dopo hanno approvato il progetto definitivo. Un anno dopo e precisamente il 28 giugno 2013 hanno affidato l’incarico professionale per la relazione geologica con indagine geofisica necessaria alla variante urbanistica. La variante deve essere pubblicata dal Comune di Aprilia, successivamente ha bisogno del parere della Regione Lazio. Successivamente va fatto un progetto esecutivo, poi la gara e successivamente la consegna dei lavori. Terminati i lavori il collaudo.  

Nel programma triennale delle opere 2011 – 2013 l’opera era prevista nell’anno 2011 per un importo di 170.945 come da progetto preliminare, inoltre sempre nel 2011erano previsti i lavori di rettifica della curva e realizzazione di una rotatoria al km 13+700 della strada Cisterna – Campoleone in località Casale della Mandria, per un importo di ben 438.000 euro. Invece nel piano delle opere pubbliche 2013 – 2015 per quanto riguarda la rotatoria nel bivio di Campoleone i soldi sono stati ridotti a euro 120.823,58, i lavori dovevano iniziare nel 1° trimestre 2013 e terminare nel secondo trimestre. Ora stiamo al terzo trimestre e stiamo lì per fare l’indagine geologica, poi dovrà essere approvata la variante, poi la gara, chissà quando inizieranno i lavori. Invece per quanto riguarda i lavori di rettifica della curva e la realizzazione della rotatoria in località Casal della Mandria.

La realizzazione della rotatoria serve per collegare al meglio via Campo Morto con la Cisternense, la strada porta nella zona nuova di Aprilia, senza appesantire la Nettunense. I soldi stanziati restano 438.000, i lavori da come è scritto nel piano delle opere pubbliche 2013 – 2015, dovrebbero iniziare nel 4° trimestre 2013  e terminare nel 3° trimestre 2014. La Provincia oltre ad essere un ente inutile, è anche dannoso perché lento, forse se queste opere le aveva fatte direttamente il Comune di Aprilia o la Regione Lazio forse oggi già ne stavamo usufruendo. 




LA SECONDA EDIZIONE DEL FESTIVAL DEI CASTELLI ROMANI SCALDA I MOTORI

Castelli Romani – Nella suggestiva cornice dei Castelli Romani torna dal 25 luglio il “Festival dei Castelli Romani Nazionale” . In piazza della Libertà a Castelgandolfo al via, alle 21 30 la seconda edizione del concorso di musica d’autore,  che calerà il sipario a dicembre nella sala del Teatro Artemisio Gian Maria Volontè di Velletri.

Pensata per scoprire e premiare giovani talenti e autori promettenti del panorama musicale nazionale, la manifestazione ideata e promossa dalla Guaranà Eventi di Francesca Cedroni, patrocinata dalla Provincia di Roma e dai Comuni di Velletri, Genzano di Roma, Albano Laziale, Ariccia, Marino, Rocca Priora, Rocca di Papa, Frascati, Castelgandolfo e Lanuvio,  nasce  sulle  orme del "Festival di Velletri"  che fece storia negli anni ’50  per  la  partecipazione dei più grandi musicisti  dell’epoca.

Quattro fasi  per la kermesse che, dopo una prima selezione condotta a cura di una commissione di musicisti ed esperti del settore musicale, tra   pre-selezioni dal vivo , semifinale e finale,  partendo dalla città papale toccherà,  poi,   le piazze più belle dei Castelli Romani chiamando complessivamente sul palco ventidue band provenienti da ogni parte d’Italia  scelte in una rosa di quaranta. 

Al  ritmo di note e votazioni la manifestazione prosegue, quindi,  con la selezione degli artisti affidati  al giudizio di una  giuria e del pubblico votante ,  il 27 Luglio a Nemi  in piazza Umberto I,  il 3 Agosto a Velletri in piazza Ottaviano Augusto, il 10 a Genzano in piazzale Sforza Cesarini  ed infine a Lanuvio il primo settembre  in piazza Mazzini – Belvedere . 

Due splendide location per gli artisti in gara che, a suon di melodia e brani inediti, si affronteranno per la semifinale il 6 settembre ad Ariccia  (ospite della serata il vincitore dell’edizione 2012 Simone Presciutti con il nuovo singolo “E’”)  e  a dicembre , per il gran finale, nella prestigiosa  sala del teatro Volenté di Velletri . Una giuria di  professionisti decreterà il vincitore; in attesa di conferma, al momento,per questa seconda edizione la presenza di Cesareo di Elio e le Storie Tese  nel ruolo di presidente.  La  registrazione del brano presso gli studi della Music Ranch, videoclip professionale e  promozione del singolo a cura dell’ufficio stampa nazionale della  Cut press  per  sei mesi, il premio spettante al primo classificato.

“Il  Festival dei Castelli Romani –  ha dichiarato  l’orqanizzatrice  dell’iniziativa Francesca Cedroni –  è una vera e propria gara musicale a carattere nazionale  tra interpreti, cantautori, band e cantanti, selezionati da una giuria tecnica-competente. Possono  parteciparvi tutti purché interpreti  di un brano inedito (mai eseguito in pubblico) . E’ prevista , infatti, l’applicazione di una penale per coloro che  avessero, invece  avuto accesso alle selezioni con  un pezzo  già ascoltato in un qualunque altro live e precedente alla data del Festival . Questo per far si che il giudizio del pubblico o della commissione sia svincolato da esiti pregressi e lasciare agli artisti pari opportunità . Voglio ringraziare tutte le amministrazioni dei Comuni dei Castelli Romani  e nello specifico gli assessorati alla Cultura  che patrocinando  l’evento ne hanno reso possibile la realizzazione.  Ringrazio inoltre Rdvs, Radiomania, Radiogamma stereo, Radio Poddjo, MusicRanch, Medula web,Ukizero portale web, Cut press per il prezioso contributo reso  al Festival, in qualità di media  partner “.

Un concorso musicale in piena regola, quindi,  con tanto di regolamento, atto  a stabilire  tempi, modalità  e  comportamento richiesto ad ogni concorrente in gara, pena l’applicazione di sanzioni e l’esclusione dal concorso .

In collaborazione con il portale di ukizero.com, il Festival prosegue, poi,  parallelamente in web aprendo le porte ai  gruppi o singoli autori con brani solo musicali o scritti in inglese . Il vincitore del “web contest Festival dei Castelli Romani“  votato direttamente dal pubblico  sulla pagina Facebook  sarà ospite della serata finale 

“E’ una soddisfazione immensa per noi – dichiara il coordinatore artistico Daniele Cedroni   – notare che, nonostante Il concorso sia solo al suo secondo anno di vita,  le iscrizioni e le richieste di partecipazione siano cresciute, in soli dodici mesi, in  maniera considerevole . Anche quest’anno  molti sono i gruppi che hanno aderito con etichetta indipendente come il Consorzio dello Zoo di Berlino,   per citarne uno .  L’idea che il nostro Paese sia  ricco di bellissimi  talenti che hanno soltanto bisogno di opportunità per emergere,  non è, pertanto, una mera supposizione ma un dato di fatto ”. 

Tanti, inoltre,  gli ospiti della kermesse che chiama in scena  il 25  a Castelgandolfo   "The  Darkside of  Venus" , il 27 a Nemi  l’ Associazione "Chi dice Donna" , il 3 a Velletri  "Mia Wallace", il 10 a  Genzano "Il Matteo " premio critica  F.C.R. 2012 e per finire il 1 Settembre a Lanuvio  i Vernice con il loro ultimo singolo  “L’importante è sognare” tratto dall’album “Atto secondo” in uscita a settembre.

Conduttori sul palco, per l’edizione 2013,  Tiziana Mammucari , Fabiola Sabucci, Andrea il Drago . Fotografo ufficiale della manifestazione Sofia Bucci . 




CASTELLI ROMANI, RICOVERO ASSISTENZIALE: VIA LIBERA DELLA REGIONE A 280 POSTI

Redazione

Castelli Romani – Un provvedimento che mette fine a uno stato di provvisorietà amministrativa che durava da anni per cinque strutture , tutte nella provincia di Roma: quattro nell’area dei Castelli romani e una nella zona di Subiaco. 

Nel comprensorio castellano  si trovano la  Rsa IL TETTO con 40 posti assistenza residenziale a Marino, la Rsa FONDAZIONE TURATI con 60 posti residenziali a Zagarolo,  IL PIGNETO con 40 posti  residenziali, a Velletri, e  la SACRO CUORE 40 con posti a Lanuvio.  

La Rsa  ICILIO GIORGIO MANCINI è quella più grande: ha 90 posti Assistenza residenziale di "Mantenimento A", più 10 posti semiresidenziali, e si trova in località Altipiani di Arcinazzo, nell’area del Sublacense. 

In totale si tratta di 270 posti di assistenza residenziale e di 10 in semi residenziale. 

Insieme a questi decreti Nicola Zingaretti ne ha firmati altri 16 relativi a strutture ambulatoriali ed importanti cliniche attive sul territorio, come la casa di Cura S. Anna di Pomezia che ha oltre 100 posti letto. 

Dal giorno della sua nomina a Commissario per la sanità, il presidente Zingaretti ha firmato 164 decreti. Di questi 113  riguardano gli accreditamenti definitivi, quindi circa il 70%. 

“Inizia il percorso di messa in sicurezza e costruzione della sanità del territorio. Sul versante della residenze per anziani non autosufficienti – ha spiegato Zingaretti – abbiamo molto da fare. In base ai dati, e considerando anche le riconversioni in corso, mancano ancora circa 3000 posti. La carenza di questo tipo di strutture impatta con i bisogni degli anziani e di quelle famiglie che non possono e non riescono con i ritmi di vita attuali, a gestire un genitore non autosufficiente e in condizioni di estrema fragilità. In questo settore si è perso troppo tempo ed occorre recuperare in fretta”.




LANUVIO, SUPERATA DEFINITIVAMENTE L'EMERGENZA ARSENICO

Redazione

Lanuvio (RM) – Grazie all' entrata in funzione dell’ultimo dei quattro potabilizzatori previsti a Lanuvio dal Piano di rientro nei limiti del D.lvo 31/2001, viene definitivamente superata l'emergenza arsenico su tutto il territorio comunale. L’attivazione del potabilizzatore denominato "Madonna delle Grazie" era programmata per la fine del mese di luglio, ma grazie all'operato dell'Amministrazione Comunale e ai lavori eseguiti da Acea Ato2 è già in funzione entro da fine aprile.

" Siamo riusciti a scongiurare l'emergenza arsenico, commenta soddisfatto il Sindaco di Lanuvio Luigi Galieti, impedendo che in questi mesi fossero chiusi i rubinetti dei nostri concittadini. I nostri consigli sul come affrontare i mesi dell'emergenza sono stati ascoltati dal gestore e questo ci ha permesso di gestire la situazione senza privare nessuno dell'acqua e di concludere in tempi record la realizzazione dei potabilizzatori". Viene così scongiurata l'accensione del pozzo Martufi, che sarebbe stata necessaria con l'innalzarsi delle temperature e che avrebbe erogato acqua con valori di arsenico al di sopra della norma. A partire dai prossimi giorni, comunica in una nota il Primo Cittadino, inizierà un breve periodo di verifica del potabilizzatore con conseguenti riassetti di rete e manovre di stabilizzazione che potranno provocare disagi e/o interruzioni della fornitura elettrica. Si ricorda che è possibile segnalare eventuali guasti o disservizi sulla rete idrica al numero verde Acea: 800 130 335. Al fine di scongiurare il verificarsi delle suddette problematiche, si invita tutta la popolazione ad un consumo idrico destinato esclusivamente al consumo umano, evitando utilizzi impropri quali l’innaffiamento di orti/giardini, il riempimento di piscine private ed altro. Tali fenomeni, conclude la nota sindacale, comportano un forte incremento dei consumi che possono provocare disagi a tutte le altre utenze e potrebbe richiedere ulteriori interventi d’emergenza. Tutta la popolazione è chiamata, per tanto, ad evitare sprechi e ad adottare comportamenti volti a perseguire interesse collettivo.

LEGGI ANCHE:

06/02/2013 LANUVIO EMERGENZA ARSENICO, SITUAZIONE INSOSTENIBILE: IL SINDACO GALIETI METTE IN MORA ACEA
06/12/2012 LANUVIO, EMERGENZA ARSENICO: 2 MILA LANUVINI SENZ'ACQUA POTABILE IL 31 DICEMBRE



ARICCIA: PRESO CON LA DROGA DICIANNOVENNE DI LANUVIO

Redazione

Ariccia (RM) – I Carabinieri della Stazione di Ariccia nella nottata hanno arrestato un giovane diciannovenne di Lanuvio, trovato in possesso di sostanza stupefacente del tipo hashish.

I militari, sulla base di un’attenta attività di controllo del territorio, hanno potuto predisporre un servizio di osservazione del giovane che ha permesso di sorprendere lo stesso nell’atto di nascondere un involucro contenente un panetto di hashish del peso di 20 grammi dietro un cartello stradale sulla Via Nettunense al fine di liberarsene vista la presenza in zona dei Carabinieri.

Questi ultimi hanno potuto recuperare la sostanza e trarre in arresto il giovane.

Lo stesso sarà giudicato con rito direttissimo nella giornata del 13.05.2013 presso il Tribunale di Velletri ove risponderà di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.




ARICCIA: ARRESTATO PER DETENZIONE DI STUPEFACENTI

Redazione

Ariccia (RM) – I Carabinieri della Stazione di Ariccia nella nottata hanno arrestato un giovane diciannovenne di Lanuvio, trovato in possesso di sostanza stupefacente del tipo hashish. I militari, sulla base di un’attenta attività di controllo del territorio, hanno potuto predisporre un servizio di osservazione del giovane che ha permesso di sorprendere lo stesso nell’atto di nascondere un involucro contenente un panetto di hashish del peso di 20 grammi dietro un cartello stradale sulla Via Nettunense al fine di liberarsene vista la presenza in zona dei Carabinieri. Questi ultimi hanno potuto recuperare la sostanza e trarre in arresto il giovane.
Lo stesso sarà giudicato con rito direttissimo nella giornata del 13.05.2013 presso il Tribunale di Velletri ove risponderà di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.
 




LANUVIO, MERCATO SETTIMANALE: I COMMERCIANTI VOGLIONO CHE RESTI IN PIAZZA DELL'IMMACOLATA

Redazione

Lanuvio (RM) – A.A.A. cercasi location definitiva per il mercato settimanale di Lanuvio, a proposito arriva la nota di Nazareno Ferrazza coordinatore Castelli Romani – Aprilia del Partito Liberale Italiano. "I commercianti ambulanti chiedono che il mercato settimanale resti in modo definito  nel piazzale dell’Immacolata. L’attuale collocazione è preferibile – dice Ferrazza –  perché essendo situato a pochi metri dalla piazza centrale di Lanuvio e  a pochi  metri dalla fermata Cotral che collega Lanuvio a Genzano e  Velletri,  oltre alla fermata Cotral vi è la fermata di trasporto pubblico locale che collegano periferia e campagne con il centro del paese. Si è arrivati all’attuale collocazione dopo che si erano scelte via  John Arthur Strutt (ex tranv),  e via Alcide de  Gasperi. Gli acquirenti devono superare  forti salite  o discese, il disagio e maggiore per le persone anziane  con la busta della spesa. Infatti, c'é  l'abitudine per i pensionati  di fare la spesa dopo aver ritirato la pensione specialmente chi non ha un mezzo proprio, sono facilitati dai mezzi pubblici. L’amministrazione Galieti che le altre amministrazioni precedenti non capiscono ché  é un motore per l'economia locale,  Infatti, con  ordinanza   del Sindaco n. 35  del 28-03-2013 si dispone che il mercato settimanale del sabato mattina  a far  data dal 30 marzo 2013 venga temporaneamente dislocato  presso il piazzale dell'Immacolata.  La storia del mercato settimanale  di Lanuvio, e molto travagliata  é un mercato per gli ambulanti, La scelta delle collocazioni si sono rivelate  precarie. Prima lo spostamento del mercato settimanale dal parco della Rimembranza non è attualmente utilizzabile a seguito di un’iniziale. Interdizione della circolazione stradale e pedonale lunga viale Strutta per motivi di Sicurezza e tutela della pubblica incolumità.  Successivamente è stato disposto la localizzazione temporanea del mercato settimanale in via Alcide De Gasperi, ma la Polizia Locale ha comunicato il proprio parere negativo alla localizzazione del mercato in via Alcide De Gasperi, per l’impossibilità di permettere il passaggio di qualsiasi mezzo di soccorso, oltre che rappresentare potenziale situazione di pericolo derivante dall’eccessivo addossarsi tra loro dei banchi. Il Sindaco per risolvere il problema chiedeva ai Responsabili di dare indicazioni circa l’individuazione, in via temporanea, di una nuova area per lo svolgimento del mercato settimanale in località Lanuvio il Responsabile del Settore I, il quale per la propria competenza tecnica, non rilevando elementi ostativi relativamente alla funzionalità dell’area e all’idoneità strutturale data la natura dei mezzi utilizzati, propone l’area della piazza dell’Immacolata; Responsabile del Settore V, con le quali comunica il proprio nullaosta alla localizzazione del mercato settimanale in piazzale dell’Immacolata. Non si capisce – conclude –  la dicitura temporanea non essendoci problematiche inerenti alla collocazione, i commercianti auspicano che diventi definitivo".




LANUVIO, MONTEBOVI: I SINDACATI SI APPELLANO A ZINGARETTI

C.R.

Lanuvio (RM) – La crisi dei lavoratori dell’azienda dolciaria Montebovi di Lanuvio da sei mesi senza stipendio è stata ancora oggetto di un tavolo congiunto con i sindacati Uil, Cisl e Cgil che hanno lanciato un appello al presidente della Regione Zingaretti affinché intervenga subito con soluzioni concrete. Infatti, i lavoratori Montebovi sono in sciopero dal 25 ottobre a causa della decisione presa dalla nuova gestione di licenziare 21 dipendenti su 90 e al contempo affittare i rapporti di lavoro da una società all’altra, in particolare alla "Dolciaria srl".

L'azienda, che non ha finora inteso trattare con sindacati e Regione, è finita nell’occhio del mirino dell'Ispettorato del lavoro per aver sostituito i dipendenti in sciopero con altri dieci addetti "extra", si presume della Dolciaria s.r.l., nuova proprietaria della Montebovi.

Di recente il Tribunale di Velletri oltre ad aver reintegrato tre lavoratori licenziati ha dichiarato nullo l'affitto del ramo di azienda. Tina Balì segretaria Cgil chiede un intervento delle istituzioni che miri allo sviluppo dell’impresa e non si riduca alla concessione degli ammortizzatori sociali. Paolo Rigucci, Segretario Cisl Roma e Angelo Della Vecchia, Segretario Generale Fai continuano a denunciare l’illegittimo inserimento di manodopera al posto degli scioperanti in barba alla sentenza. Pierpaolo Bombardieri segretario Uil Lazio chiede alla Regione l’esclusione dai bandi pubblici di aziende che come la Montebovi commettono tali violazioni.

LEGGI ANCHE:

15/03/2013 LANUVIO, LAVORATORI MONTEBOVI: LA PROTESTA DIVENTA EMERGENZA SOCIALE.
28/02/2013 LANUVIO, MONTEBOVI: VINCONO I LAVORATORI
15/01/2013 LANUVIO, MONTEBOVI: PRIMA UDIENZA PRESSO IL TRIBUNALE DEL LAVORO PER GLI EX DIPENDENTI
11/01/2013 LANUVIO MONTEBOVI: LAVORATORI OCCUPANO AULA CONSILIARE DEL COMUNE
08/01/2013 LANUVIO, EX DIPENDENTI MONTEBOVI: SI PUNTA AL TAVOLO CON IL PREFETTO PECORARO
29/12/2012 LANUVIO, LAVORATORI MONTEBOVI: CAPODANNO ALL'AGGHIACCIO ASPETTANDO IL TRIBUNALE DEL LAVORO IL 15 GENNAIO
28/12/2012 LANUVIO, MONTEBOVI: IL NATALE DEI LAVORATORI INCATENATI AI CANCELLI
19/12/2012 MONTEBOVI, TUTTI STRETTI ATTORNO AI 100 LAVORATORI
18/12/2012 LANUVIO, NON SI FERMA LA PROTESTA DEI LAVORATORI DELLA MONTEBOVI.
07/12/2012 LANUVIO, MONTEBOVI: NESSUN ACCORDO RAGGIUNTO TRA LAVORATORI E IMPRESA. E' SCIOPERO AD OLTRANZA
03/12/2012 LANUVIO MONTEBOVI, UN'ALTRA GRANDE AZIENDA IN GINOCCHIO PER COLPA DELLA CRISI
23/10/2012 APRILIA CRISI MONTEBOVI, 21 LAVORATORI RISCHIANO LA CASSA INTEGRAZIONE: BRACCIA CONSERTE A FINE TURNO


 
 




LANUVIO, L'ENTE DI PROMOZIONE SPORTIVA ASI APRE UNA SEDE

Redazione

Lanuvio (RM) – Con l'obiettivo di dare un supporto alla crescita della cultura e della pratica sportiva sia a livello locale che provinciale l'ente di promozione sportiva nazionale Alleanza Sportiva Italiana ha scelto di aprire un ASI Point a Lanuvio, per essere sempre presenti sul territorio e dare visibilità e supporto alle attività promosse sul territorio. L'appuntamento per l'inaugurazione è Sabato 6 aprile alle ore 18.00 presso la sede di Via M.A. Commodo 9, Lanuvio (Centro Storico).Saranno presenti il Presidente Regionale del Coni, Dott Riccardo Viola ed il Presidente provinciale ASI, Dott. Roberto Cipolletti
Cos'è l'ASI? L' Asi (Associazioni Sportive Sociali Italiane) é un Ente di Promozione Sportiva, Sociale, culturale ed assistenziale riconosciuto dal CONI con delibera del Consiglio Nazionale n 1224 del 15 maggio 2002 ai sensi dell'art. 27 dello statuto del Coni. L'Ente ha lo scopo di contribuire senza alcuna forma di discriminazione allo sviluppo tra tutti i cittadini della pratica sportiva quale veicolo di promozione sociale, nonché alla crescita sociale e culturale dell'individuo ed alla tutela del patrimonio ambientale. L'Ente ha come fine la promozione e l'organizzazione, attraverso gli organismi affiliati e le strutture periferiche, di attivitá fisico-sportive, ricreative e formative, culturali e ambientali anche con modalitá competitive e nel rispetto dei principi, delle regole e delle competenze del CONI, delle Federazioni sportive nazionali e delle Discipline sportive associate; potrá svolgere attivitá di studio, di ricerca, di corsi di formazione professionale e quant'altro necessario al raggiungimento dei suoi obiettivi.

Il Comitato di Roma dell’ASI conta circa 60.000 soci iscritti in rappresentanza di circa 400 società e circoli. Una struttura giovane ed agile, con l’attuale Presidente Roberto Cipolletti. Un Comitato capace di interagire con tutti i suoi iscritti attraverso un’organizzazione diffusa capillarmente su quasi tutto il territorio della Capitale e attraverso i suoi Fiduciari anche su gran parte della Provincia di Roma. Un Comitato sempre pronto a rappresentare adeguatamente le esigenze dei propri affiliati, ad interloquire con i responsabili di settore e con i dirigenti che quotidianamente si impegnano per il successo di manifestazioni, tornei, gare e campionati provinciali, al coinvolgimento sinergico e diversificato dei numerosi settori sportivi con gli Enti Locali e le Istituzioni, per un costante e crescente sviluppo della pratica sportiva amatoriale, per contribuire al benessere fisico e alla formazione dei giovani ma anche dei meno giovani.
Il mondo dello sport, soprattutto quello amatoriale, anche se poco conosciuto dai media, è un elemento formidabile, un ulteriore mezzo di confronto sociale ed educativo, che vuole favorire la partecipazione del cittadino alla vita associativa dell’Ente legata ad una filosofia aggregativa e comunitaria, sulla visione della vita in generale. Una sempre più costante collaborazione con le Federazioni Sportive e con il Coni per la necessaria formazione di dirigenti, tecnici, operatori sportivi, responsabili marketing, ed anche istruttori, arbitri ed atleti, ma soprattutto promuove proposte relative alla legislazione sportiva, alla medicina sportiva, all’impiantistica ed in particolare alla lotta al doping, facendosi promotore di numerose campagne contro questa piaga dello sport italiano.

Iniziative specifiche sono realizzate per le Scuole, rivolte quindi ai ragazzi in età scolare, tese a incrementare l’approccio alle discipline sportive ed in particolar modo a quelle meno diffuse, in collaborazione con il Provveditorato agli Studi, il Coni e gli Enti Locali.
Annualmente viene pubblicata la "Guida Pratica" per le società affiliate, utile e aggiornata, che accompagna per tutta la stagione sportiva tutti i tesserati. E’ stato inoltre attivato un nuovo sistema di informatizzazione in tempo reale con accesso rapido alla banca dati della sede nazionale e allo snellimento delle procedure di affiliazione e tesseramenti.
 




LANUVIO, OMICIDIO OMMINETTI: I CARABINIERI ARRESTANO LA MOGLIE.

Redazione

Lanuvio (RM) – I Carabinieri della Compagnia di Velletri hanno arrestato una 56enne di Lanuvio, con l’accusa di omicidio volontario, colpevole di aver ucciso a coltellate, lo scorso 24 marzo, il marito Luciano Omminetti. Il GIP del Tribunale di Velletri, concordando l’attività investigativa effettuata dai militari dell’Arma, ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Le indagini hanno appurato che il decesso dell’uomo, avvenuto presso la loro abitazione nel centro di Lanuvio, e’ stato causato dai colpi d’arma da taglio inferti dalla donna al coniuge. Tale dinamica è stata confermata dall’esito dell’autopsia che ha fornito un quadro compatibile con un’aggressione volontaria. La donna, accusata di omicidio aggravato, e’ stata tradotta presso il carcere di Rebibbia, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

LEGGI ANCHE:

25/03/2013 LANUVIO, TRAGEDIA FAMIGLIARE: ACCOLTELLA IL CONVIVENTE MA L'UOMO MUORE DI MALORE