Rieti, colpo al supermercato: in manette 2 georgiani

Nella serata di ieri 15 novembre, i militari delle Stazioni Carabinieri di Poggio San Lorenzo e Orvinio, nell’ambito di normali servizi di controllo del territorio, hanno tratto in arresto due soggetti di nazionalità georgiana, K. M. classe ‘73 e L. S. classe ‘94, in flagranza di reato perché responsabili di furto all’interno di un supermercato.
In seguito a segnalazione pervenuta alla Centrale Operativa nel pomeriggio, i militari sono intervenuti presso l’esercizio commerciale denominato “Tigre” sito in Poggio Moiano, loc. Osteria Nuova, dove era stato notato un soggetto sospetto. Giunti sul posto i militari hanno effettivamente rintracciato un uomo, che era stato bloccato mentre tentava di allontanarsi dall’esercizio commerciale nascondendo sotto i propri abiti alcune bottiglie di super alcolici.
Nel corso dei successivi accertamenti, svolti nell’immediatezza dei fatti, i militari sono riusciti a rintracciare nei paraggi un complice, il quale attendeva nascosto in auto. Nel corso della perquisizione personale e veicolare condotta, è stato possibile rinvenire più di trenta bottiglie di
super alcolici, occultate dentro alcuni zaini, all’interno dell’autovettura. I militari dell’Arma, nello sviluppo dell’attività investigativa incentrata anche sull’analisi dei filmati dei sistemi di videosorveglianza, hanno verificato che i due soggetti si erano resi responsabili anche di un altro furto perpetrato nel primo pomeriggio in Rieti, all’interno del supermercato “Tigre” di viale
Matteucci, da dove i due avevano asportato le bottiglie di alcolici, poi rinvenute nel corso della perquisizione.
Sulla scorta di quanto accertato i due soggetti, che sono risultati entrambi gravati da numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, sono stati dichiarati in arresto con l’accusa di furto aggravato in concorso e tentato furto.
Su disposizione del magistrato di turno della Procura della Repubblica di Rieti, entrambi sono stati ristretti presso la casa Circondariale di Rieti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
La refurtiva recuperata, del valore complessivo di circa mille euro, è stata sottoposta a sequestro, anche al fine di verificare con precisione se sia provento di altri furti perpetrati nella stessa giornata presso altri esercizi commerciali.




Rieti, blitz dei Nas: droga in un bar, bibite scadute, extra comunitari irregolari

Controlli straordinari del territorio sono eseguiti in questi primi giorni della
settimana dai Carabinieri della Compagnia di Rieti nel capoluogo reatino.
L’attività, svolta anche con la preziosa collaborazione dei Reparti Speciali
dell’Arma, in particolare del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Viterbo, del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Rieti e di un’unità antidroga del Nucleo Cinofili di Roma – Ponte Galeria, è stata in particolar modo incentrata sul controllo di attività commerciali per la verifica del rispetto della normativa in materia di tutela del lavoro nonché del rispetto delle norme igienico sanitarie.
Oggetto del controllo, un negozio di rivendita di generi alimentari etnici ubicato nel centro storico dove i militari, hanno riscontrato gravi carenze igienico- sanitarie che hanno portato alla contestazione di sanzioni amministrative per un importo di 1.000 euro oltre alla segnalazione alla locale ASL per le valutazioni di competenza in relazione all’adozione di eventuali provvedimenti di chiusura dell’attività.
È stato altresì sottoposto a controllo anche un bar del centro cittadino, dove, anche grazie all’ausilio dell’unità cinofila antidroga dell’Arma, sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro complessivamente 43 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana, suddivisi in più involucri ben occultati in diversi nascondigli all’interno del locale. È stata anche accertata la presenza di una lavoratrice la cui posizione è ad ora al vaglio dell’Ispettorato del Lavoro. È stata riscontrata, inoltre, la presenza di oltre 50 confezioni di bibite aventi termine minimo di conservazione oltrepassato. Tra gli avventori del locale, infine, i militari hanno
controllato ed identificato diversi soggetti extracomunitari, di cui quattro
sprovvisti di documenti, che, pertanto, al termine degli accertamenti del caso, sono stati deferiti in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria. Oltre alle sanzioni amministrative contestate a carico del titolare, quest’ultimo è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.




Rieti, droga e prostituzione: chiuso un famoso hotel della città

RIETI – Gli agenti della Polizia di Stato hanno notificato all’esercente di un noto hotel reatino il decreto del Questore di Rieti, Antonio Mannoni, che ha disposto la chiusura dell’attività per 15 giorni.

La chiusura è conseguente ad un’indagine, svolta dagli agenti della Squadra Mobile, che ha permesso di accertare numerosi casi di donne e
transessuali di nazionalità straniera che si prostituivano nell’hotel dopo aver pubblicizzato i loro annunci su un sito web.
Sul sito inserivano i loro numeri telefonici, foto e video hard, indicazioni su come recarsi nelle stanze dell’hotel reatino e consigli sull’elusione
della registrazione quali ospiti della struttura ricettiva.

Il gestore dell’hotel, quindi, è stato anche denunciato per aver omesso di comunicare in Questura le generalità di alcune persone alloggiate.
Nel corso delle indagini, inoltre, gli agenti della Polizia di Stato, mentre procedevano all’arresto di un cittadino nigeriano destinatario di
un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, hanno anche rinvenuto in una camera dell’hotel della sostanza stupefacente.
Le caratteristiche di evidente pericolosità sociale dell’attività dell’hotel, che si riflette sulla moralità ed il buon costume, hanno quindi suggerito l’adozione del provvedimento di chiusura.




Rieti, catturati i banditi del bancomat: si tratta di due pregiudicati di Tivoli e di Roma (Tor Bella Monaca)

RIETI – Alle prime luci dell’alba di oggi, i carabinieri del nucleo investigativo di Rieti, insieme a quelli del N.O.R. della compagnia di Cittaducale, hanno arrestato, su ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminare del tribunale di Rieti, O. F. e P. G. due pregiudicati il primo romeno e l’altro moldavo entrambi poco piu’ che trentenni, gravati da numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio.

L’operazione rappresenta la brillante conclusione di una complessa attività di indagine

avviata nella notte dello scorso 1 novembre 2017, a seguito del furto avvenuto presso la banca Intesa – agenzia di Pescorocchiano (Ri) e coordinata dal dottor Maruotti Rocco Gustavo, sostituto procuratore della Republica di Rieti. In quella circostanza, i malviventi, dopo aver fatto saltare in aria il bancomat, utilizzando una miscela a base di gas e acetilene, si erano impossessati del denaro contenuto al suo interno, pari alla somma di 35 mila euro e si erano dati alla fuga a bordo di un’autovettura vw golf e di una ford c max, facendo perdere le proprie tracce. I militari intervenuti sul posto avevano immediatamente dato inizio all’attività di indagine, da un lato, acquisendo le immagini degli impianti di video sorveglianza presenti nella zona e escutendo a sommarie informazioni i vicini di casa che avevano sentito l’esplosione e, dall’altro lato, richiedendo l’acquisizione dei tabulati telefonici dei ponti ripetitori presenti nella zona. accertamenti tecnici successivi, accompagnati da una minuziosa serie di servizi di osservazione eseguiti “sul campo”, consentivano di identificare i due soggetti che avevano in uso tali utenze la notte del furto e di accertare come essi fossero soliti utilizzare come modus operandi per compiere le proprie azioni predatorie ai danni degli istituti di credito la pericolosissima tecnica di saturare l’atm con il gas facendolo esplodere, accaparrandosi cosi’ il denaro custodito al suo interno. Ecco quindi che poche ora fa, a pochi mesi dall’evento delittuoso, due squadre composte da militari in abiti civili hanno raggiunto O. A e P. G presso le loro abitazioni, situate rispettivamente a Tivoli e nella Capitale nel quartiere di Tor Bella Monaca, ammanettando i due malviventi. I due sono stati quindi arrestati e portati nel carcere di Regine Coeli, a disposizione dell’Autorita’ Giudiziaria.




Rieti, furto alla rivendita “Agricenter”: identificato e arrestato l’autore grazie a un’impronta digitale

RIETI – Arrestato l’autore del furto alla rivendita “Agricenter” di Rieti dello scorso 28 marzo. Si tratta di un 45 enne pluripregiudicato di Rieti, le cui iniziali sono R. G., riconosciuto grazie alle impronte digitali rilevate dal RIS di Roma. I militari del Nucleo operativo della Compagnia carabinieri di Rieti, intervenuti per il sopralluogo, durante la fase dei rilievi tecnici, momento estremamente delicato e importante per il buon esito delle successive indagini, avevano permesso di rilevare un’impronta la quale è poi risultata determinante per l’identificazione del pregiudicato.

L’impronta digitale inviata ai laboratori del RIS di Roma, esaminata tempestivamente dai carabinieri altamente qualificati di quel reparto è risultata quindi appartenere a R. G, molto noto alle forze dell’ordine. Oltre all’impronta, le ulteriori risultanze delle indagini portate avanti dai militari del Norm della Compagnia carabinieri di Rieti, hanno appurato senza ombra di dubbio, la piena responsabilità dell’uomo circa il furto perpetrato presso la rivendita “Agricenter”

L’inconfutabilità delle prove raccolte hanno permesso alla Procura della Repubblica di Rieti di emettere un’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere nei confronti del pregiudicato reatino il quale nella mattinata di oggi è stato arrestato e portato, dopo le formalità di rito, presso la casa circondariale di Rieti a disposizione dell’Autorità giudiziaria.




Rieti, emergenza in carcere: “anomalie sistemi di chiusura”

RIETI – “Continuano a giungerci segnalazioni riguardo il mancato funzionamento di diversi sistemi di chiusura. Tali criticità  – dichiara in una nota il sindacato UILPA Polizia Penitenziaria – era già stata rilevata e segnalata a seguito della visita dei luoghi di lavoro effettuata da una delegazione della scrivente O.S. in data 28 marzo c.a. Purtroppo la situazione è rimasta pressoché immutata. In particolare, si sta verificando che, nonostante i recenti interventi di manutenzione e ripristino degli stessi, parecchi sono di nuovo non funzionanti per cui il personale deve agire manualmente. La criticità interessa sia i cancelli esterni che quelli interni senza risparmiare nemmeno la porta carraia”.




Rieti, comunali 2017: schede distrutte, si fermano le verifiche

RIETI – La Prefettura di Rieti ha sospeso per 24 ore la procedura di verifica delle schede scrutinate in 8 sezioni al ballottaggio per le comunali di Rieti del 25 giugno scorso, disposta dal Tar del Lazio. A quanto si è appreso le schede elettorali non utilizzate, autenticate e non, sono state già distrutte dal Tribunale di Rieti rendendo di fatto impossibile la verifica ordinata dal Tar dopo aver accolto il ricordo dell’ex sindaco Simone Petrangeli. La Prefettura di Rieti ha immediatamente informato il Tribunale amministrativo del Lazio dell’assenza delle schede e ha aggiornato la commissione di verifica a domani alle 9.30. “E’ un fatto di gravità inaudita che il tribunale abbia distrutto una parte delle schede in presenza di un ricorso pendente al Tar”. Così l’ex sindaco di Rieti, Simone Petrangeli.

L’ex sindaco di Rieti Simone Pietrangeli ha presentato ricorso al Tar del Lazio per l’annullamento delle amministrative che hanno portato Antonio Cicchetti (centrodestra) alla carica di sindaco del capoluogo del Lazio. Pietrangeli ha infatti chiesto l’annullamento del verbale del 28 giugno 2017 delle operazioni dell’Ufficio Centrale per il turno di ballottaggio, della proclamazione degli eletti e della attribuzione dei seggi ai consiglieri, nonché di tutti gli atti e le operazioni elettorali e dei singoli verbali inerenti le operazioni di voto delle 51 sezioni elettorali nel predetto turno di ballottaggio, con particolare riferimento ai verbali delle sezioni 30, 47, 8, 1, 5, 50, 15 e 29. Petrangeli al ballottaggio con Cicchetti fu sconfitto con una differenza di 99 voti




Rieti, incendio in condominio: persone salvate da rischio intossicazione grazie ai Vigili del Fuoco

RIETI – A Rieti alle 3 dello scorso 18 settembre, i Vigili del Fuoco del Comando, sono intervenuti nel quartiere di Campoloniano, a causa di un incendio di un quadro elettrico situato all’interno del vano delle scale di accesso agli appartamenti. Sul posto, sono arrivati gli operatori della prima partenza provenienti dalla Sede centrale con l’ausilio di una squadra di appoggio, con una ABP (Autobottepompa) ed una AS (Autoscala).

I Vigili del fuoco hanno spento, utilizzando gli estintori a CO2, le fiamme che tavano interessando i contatori delle linee elettriche, e contemporaneamente messo in sicurezza le famiglie presenti nei piani più alti del palazzo a causa della presenza dell’intenso fumo sprigionatosi dal quadro elettrico.

Tutte le persone coinvolte dal rischio intossicazione, compreso un bambino di soli tre anni, sono state fatte evacuare dalle proprie abitazioni attraverso l’uso di due ‘scale italiane’ a causa della impossibilità di accesso dell’Autoscala VVF nell’adiacenza dell’abitato. Al termine dell’intervento non si sono avute, da parte degli occupanti, particolari intossicazioni alle vie respiratorie dovute alla grande quantità di fumo presente all’interno della struttura abitativa.

 




Rieti: una settimana ricca di appuntamenti con il Dancing Partners

 

Redazione


RIETI – A Rieti martedì 23, giovedì 25 e venerdì 26 maggio il Teatro Flavio Vespasiano e il Danza Studio Centro ARADES di Rieti ospiteranno una settimana di appuntamenti con la grande danza al cui centro è la nuova tappa italiana di Dancing Partners, manifestazione internazionale di danza contemporanea.
Dancing Partners è infatti un progetto in rete avviato nel 2013 per la promozione della danza contemporanea su scala europea da parte di un team di artisti consolidati di diverse nazionalità. Le compagnie partner di questa rete internazionale di danza sono Thomas Noone Dance (Spagna), Norrdans (Svezia), Company Chameleon (Inghilterra) e Spellbound Contemporary Ballet (Italia), entrata a far parte del progetto nel 2014.


Dancing Partners ha come fine non solo la promozione del lavoro degli artisti coinvolti, ma anche il forte radicamento nei territori, direttamente coinvolti attraverso attività di formazione di settore e di avvicinamento del pubblico. Per questo motivo Dancing Partners è concepito come iniziativa itinerante nelle sedi dei partner membri della rete con lo scopo primario di “condividere” spazi e pubblico. Le residenze temporanee nella sede della compagnia ospitante, grazie a performance, laboratori, incontri, dibattiti con il pubblico, diventano, di volta in volta, momenti di scambio e di confronto tra i vari artisti e di dialogo tra questi e il territorio.

In occasione della tappa in Italia del progetto, l’A.T.C.L. Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio, in collaborazione con Spellbound Contemporary Ballet, e il Comune di Rieti propongono un ricco e ampliato palinsesto di eventi distribuiti nei tre giorni martedì 23, giovedì 25 e venerdì 26 maggio, presso il Teatro Flavio Vespasiano e il Danza Studio Centro ARADES.


La settimana di appuntamenti a Rieti inaugurerà al Teatro Flavio Vespasiano martedì 23 maggio (ore 21:00) con lo spettacolo PAN/remastered di Emanuele Soavi incompany, un riadattamento che riporta in scena la produzione del 2011 con la quale Emanuele Soavi ha vinto il premio del Teatro di Colonia come Miglior Interprete e che oggi si arricchisce delle musiche dal vivo create da Stefan Bohne e dal fondatore di KOMPAKT Wolfgang Voigt. Dedicato ai sistemi psicosociali consci e inconsci che permeano la società del nostro tempo, rappresenta il tentativo di portare nel mondo contemporaneo PAN, la figura mitologica forse più attuale di tutte, conferendogli un carattere analitico e frammentario: outsider, intrattenitore e terrorista, metà dio e metà capra.


La serata di venerdì 26 maggio ospita invece l’evento Dancing Partners: alle ore 20:30 lo spettacolo As if I della compagnia Thomas Noone Dance animerà lo spazio del foyer del Teatro di Rieti. Sul palco del Teatro Flavio Vespasiano alle ore 21:00 andrà poi in scena And so it is… di Adi Salant, co-direttrice artistica della famosa compagnia di danza israeliana dal 2003, special guest dell’edizione italiana di Dancing Partners 2017. A seguire due lavori della compagnia italiana ospitante Spellbound Contemporary Ballet, Mysterious Engine e Small Crime: Mysterious Engine è la prima di una nuova creazione in due parti della compagnia italiana, rivendica la “condizione” di non libertà degli uomini in rapporto all’azione dei desideri; il secondo lavoro è del 2015 e indaga corto circuiti e contraddizioni che possono scatenarsi nelle relazioni con l’altro. Chiude la serata AB3 della compagnia svedese Norrdans: focalizzato sul numero tre e sulla difficoltà di essere quattro, spazia dalla linearità e dalla sistematicità fino al caos e all’instabilità.

Il programma di Dancing Partners si completa infine di una serie di workshop gratuiti, accessibili al solo costo dei biglietti degli spettacoli di martedì 23 e venerdì 26 maggio, organizzati nei pomeriggi di giovedì 25 e venerdì 26 maggio come segue.


giovedì 25 maggio
ore 16:00 –  workshop compagnia NORRDANS, Danza Studio Centro Arades (via Cintia, 19)
ore 18:00 – workshop compagnia THOMAS NOONE DANCE, Danza Studio Centro Arades (via Cintia, 19)

venerdì 26 maggio
ore 16:00 – workshop compagnia SPELLBOUND CONTEMPORARY BALLET, Danza Studio Centro Arades (via Cintia, 19)
ore 19:00 – gaga class a cura di ADI SALANT presso il palco del Teatro Flavio Vespasiano

Costo Biglietti
23 maggio: intero 15,00 euro; ridotto 12,00 euro; speciale scuole danza 10,00 euro.
26 maggio: intero 15,00 euro; ridotto 12,00 euro; speciale scuole danza 10,00 euro.
La partecipazione ai 4 workshop è gratuita previo acquisto dei 2 biglietti al prezzo speciale di 10,00 euro per i due spettacoli in programma presso il teatro Flavio Vespasiano, per un costo totale di 20,00 euro.

Info e prenotazioni:
spettacoli
e-mail: info@atcllazio.it
telefono: 339.3184547
workshop
e-mail: info@atcllazio.it
telefono: 06.45426982 dalle ore 10:00 alle 17:00 dal lunedì al venerdì

 




Rieti, sicurezza scuole: al via i test della Protezione Civile

Red. Cronaca


RIETI –  Al via a partire da lunedì 8 maggio le prove di simulazione di emergenza nelle scuole di Rieti, coordinate dalla Protezione Civile  Mentre il problema della sicurezza degli edifici scolastici di Rieti continua a tenere vivo il dibattito politico, la Protezione Civile, nel ruolo che le è proprio, prosegue incessante nella divulgazione di una corretta informazione accompagnata da attività addestrative, al fine di accrescere le capacità di autodifesa di chi le scuole le frequenta ogni giorno per studio o lavoro.

 

L’edizione primaverile della “Settimana della sicurezza scolastica”, iniziativa che prenderà il via da lunedì 8 maggio 2017 giunta all’ottavo anno di programmazione, vedrà coinvolti oltre tremila bambini e adolescenti del capoluogo reatino, dalle materne fino alle medie inferiori, coordinati nelle attività dai Dirigenti di Istituto, con la collaborazione di circa 320 tra insegnanti e personale non docente, sotto lo sguardo vigile della Protezione Civile e dei Responsabili della sicurezza.


La settimana della sicurezza scolastica a Rieti rientra nel più ampio progetto di scuola sicura dal titolo "Sicuri a scuola, sicuri nella vita" ideato e coordinato dal C.E.R. Protezione Civile di Rieti, in stretta collaborazione con il Gruppo Comunale Volontari di Rivodutri e del Centro Studi di Protezione Civile CESISS, oltre al prezioso supporto dell'Ufficio Scolastico Provinciale, molto attento alle dinamiche della sicurezza all'interno delle scuole di ogni ordine e grado.


"Si tratta di un’attività di addestramento collettivo della popolazione scolastica che ripetiamo più volte nel corso dell’anno – a spiegarlo è Crescenzio Bastioni, responsabile del CER Protezione Civile. In questi ultimi otto anni, e ancor più in questo ultimo periodo, visti i recenti eventi sismici che hanno interessato anche la città di Rieti, ci siamo concentrati in particolare sui più piccoli, bambini e adolescenti, tra i più esposti in caso di emergenza improvvisa. Lo scopo è quello di insegnare loro quali sono le azioni da mettere in campo per reagire prontamente, nel caso si verifichi uno dei tanti potenziali pericoli che possono presentarsi senza preavviso, sconvolgendo la quotidianità della vita scolastica. Non si parla solo di terremoto, ma anche di rischio incendio e di altre situazioni di pericolo – prosegue Bastioni – esse vengono spiegate ai bambini con un linguaggio chiaro e comprensibile per la loro età, grazie anche all'ausilio di filmati e cartoni animati tematici, concludendo l'iter di insegnamento con le simulazioni e le prove di evacuazione scolastica. L’attività che affronteremo nel corso della prossima settimana riguarderà il rischio incendio all’interno degli edifici scolastici, con l’allarme che scatterà senza alcun preavviso agli studenti e agli insegnanti, in modo da fornire ai coordinatori una realistica valutazione della tempistica di evacuazione della scuola e la corretta applicazione delle procedure previste in caso di emergenza" conclude Bastioni.

Gli Istituti Comprensivi di Rieti che hanno aderito alla settimana della sicurezza scolastica sono:
 – I.C. Minervini-Sisti, guidato dalla dirigente Ileana Tozzi.
– I.C. Angelo Maria Ricci, guidato dalla dirigente Paola Testa.
– I.C. Giovanni Pascoli, guidato dalla dirigente Paola Giagnoli.
– I.C. di Villa Reatina, guidato dalla dirigente Anna Maria Temperanza.
 




Rieti: manette ai polsi per la truffatrice seriale degli anziani

 

di C.M.

 

RIETI – Manette ai polsi per la 50 enne pluripregiudicata di origine siciliana responsabile di aver messo a segno nei mesi di aprile e maggio dello scorso anno, diversi furti in abitazione e truffe ai danni di anziane donne della provincia di Rieti, ricavandone un bottino di 10 mila euro circa.
A dare esecuzione all'ordine di arresto i Carabinieri della compagnia di Cittaducale, a conclusione di un’articolata attività d’indagine coordinata dalla procura della Repubblica di Rieti.


La truffatrice seriale era solita presentarsi, nelle prime ore del mattino, presso le abitazioni delle anziane vittime e, dopo aver accertato che erano sole in casa, si qualificava come un medico della asl con il compito di controllare la terapia farmacologica che seguivano ed i farmaci che assumevano. avuto accesso in casa, la “finta dottoressa” carpiva la fiducia delle anziane e le convinceva a riporre in una “busta da lettere di colore giallo” tutti i gioielli e il denaro contante che in quel momento avevano nelle loro disponibilità. Dopodiché invitava le anziane signore a collocare subito la busta in luogo sicuro che poteva essere un cassetto di un mobile della cucina o della camera da letto per poi riprenderla al termine della visita. Ottenuto ciò, la malvivente, senza farsi notare, riusciva a impossessarsi della busta con il denaro e i gioielli che, velocemente, sostituiva con un’altra busta identica ma contenente solo dei pezzi di carta. Terminata la “messa in scena”, la ladra si allontanava dall’abitazione delle vittime che, troppo tardi, si rendevano conto di essere state derubate.


La malvivente, raggiunta dai militari presso la propria abitazione in Sicilia, è stata  portata al carcere di Catania.