1

Roma Boccea, banda di ragazzi dirotta bus e aggredisce autista

Un autista della linea 904 è stato vittima di un’aggressione compiuta da quattro malintenzionati. Il fatto è accaduto intorno alle due di stanotte, mentre l’autobus percorreva via Boccea. I quattro hanno fatto irruzione nella cabina del conducente e, dopo essersi impossessati dell’estintore in dotazione sul bus, hanno minacciato l’autista costringendolo a deviare il bus dal suo percorso. Una volta arrivati nella zona di via Selva Nera, l’autista è stato rapinato.Sulla stessa linea, circa mezz’ora dopo, si è verificata un’altra aggressione al capolinea di Largo Bedeschi. L’aggressore ha prima tentato di forzare la porta del posto guida e poi si è scagliato contro il conducente colpendolo con un pugno. Prima di darsi alla fuga ha mandato in frantumi il vetro della vettura con una pietra.Atac stigmatizza fermamente la vile aggressione ed esprime totale e piena solidarietà e vicinanza ai propri dipendenti.




Monterotondo, allestiscono un “droga-shop ambulante” vicino il Mc Donald’s: arrestata giovane coppia

MONTEROTONDO (RM) – Spacciano droga vicino al Mc Donald’s di via Lampedusa di Monterotondo. Si tratta di una giovane coppia residente a Capena, 23 anni lui ed appena 19 lei, arrestata dai Carabinieri della Compagnia di Monterotondo, che aveva messo su un vero e proprio “droga-shop ambulante”.

Dall’attività investigativa portata avanti dai militari si è accertato che i clienti della coppia di spacciatori si fingevano clienti del fast food mentre in realtà si dirigevano verso l’automobile della coppia in sosta nelle vicinanze del “Mc”.

I Carabinieri, all’ennesimo “avvicinamento” all’auto sospetta, hanno quindi deciso di avviare una perquisizione nei confronti dei due occupanti, all’esito della quale sono stati rinvenuti due panetti di hashish, oltre alla somma in banconote di piccolo taglio di Euro 500 circa. L’attività d’indagine, è stata poi estesa anche all’abitazione dei due dove sono stati rinvenuti un ulteriore panetto di hashish. In totale sono stati sequestrati complessivamente circa 300 grammi di droga.  

I due spacciatori si trovano ora ai domiciliari in attesa della celebrazione del rito direttissimo disposto dall’AG di Tivoli.




Palombara Sabina: istituito il primo tavolo permanente delle professioni nel Lazio

“Abbiamo con favore raccolto il lavoro svolto dai Dipartimenti delle Professioni, nazionale e regionale, istituendo il Tavolo Permanente delle Professioni come progetto pilota anche negli Enti Locali. L’obiettivo è quello di dare il giusto supporto a quelle categorie che rappresentano l’ossatura del sistema economico italiano.” A dichiararlo il Sindaco di Palombara Sabina e capogruppo di Fratelli d’Italia in Città Metropolitana Roma Capitale, Alessandro Palombi.

“Con l’istituzione del primo Tavolo Permanente delle Professioni nel Lazio a Palombara Sabina, il Sindaco Alessandro Palombi, Fratelli d’Italia dimostra di dare centralità ai professionisti. Fratelli d’Italia da sempre considera la rappresentanza libero professionale uno strumento strategico nelle governance locali per trovare soluzioni efficaci ai problemi complessi. Da Palombara Sabina oggi parte un progetto ambizioso, grazie non solo alla sensibilità del Sindaco Alessandro Palombi, dell’Assessore Eddy Sarnacchiaro e di tutta l’amministrazione ma anche al grande lavoro della Responsabile Nazionale del Dipartimento Professioni Marta Schifone e del Coordinatore Regionale On. Paolo Trancassini, che ha come obiettivo quello di portare la rappresentanza dei professionisti in tutti i comuni del Lazio, nelle Province e nella Regione stessa.” Lo afferma il Coordinatore Regionale del Dipartimento Professioni di Fratelli d’Italia, Roberto Cuccioletta.




Ostia Chocolate, un mare di cioccolato: torna l’evento più goloso del litorale romano

Dopo due anni di pandemia, finalmente torna la manifestazione “OstiaChocolate, #unmaredicioccolato”. L’evento più goloso del litorale romano si svolgerà da venerdì 8 a domenica 10 aprile 2022, in piazza Anco Marzio a Ostia, dalle 10 alle 22.

Tutti i giorni gli artigiani del cioccolato provenienti da ogni parte d’Italia esporranno nei loro stand tantissime prelibatezze al cacao, preparate nei modi più svariati: pregiatissimo cioccolato dalle molteplici forme e fragranze, cioccolatini e praline ripiene e tanto altro.

E vista la vicinanza dell’evento alla Pasqua, non mancheranno delle gustose idee regalo come le uova di purissimo cioccolato rigorosamente realizzate a mano dai tanti maestri cioccolatieri presenti alla manifestazione: vere e proprie sculture realizzate con ingredienti di pregio che renderanno felici adulti e bambini.

L’evento ha lo scopo di diffondere la cultura del cioccolato artigianale e l’arte della sua lavorazione. Il cacao la farà quindi da padrone con i suoi gusti, profumi, forme e consistenze. Ce ne sarà davvero per tutti i gusti e esigenze. Dalla cioccolata vegan a quella al peperoncino, da quella aromatizzata alle praline, alle tavolette, ai cioccolatini e alle creme spalmabili.




Marino, prosegue il progetto Comitato Quartiere Giovani: oltre 150 ragazzi coinvolti

Va avanti anche per il 2022 il progetto Comitato Quartiere Giovani che l’APS Marino Aperta conduce nelle scuole del territorio di Marino da oramai oltre due decenni. Programmati per il martedì 29 marzo due importanti incontri.
I ragazzi adolescenti eletti nel Comitato dei Giovani della scuola Vivaldi di Santa Maria delle Mole dedicheranno due sessioni di approfondimento, con circa 150 giovani coinvolti per la scuola, sul tema dell’inquinamento acustico e del rumore. I giovani incontreranno il portavoce del CRIAAC Roberto Barcaroli ed il prof. Domenico Brancato che da anni seguono questo tema con il Comitato per la Riduzione dell’Impatto Ambientale dell’Aeroporto di Ciampino.
Per la scuola Primo Levi, invece, i ragazzi eletti nel Comitato dei Giovani incontreranno nel pomeriggio il prof. Andrea Geraci dell’IIS e affronteranno il tema dei ‘Comportamenti corretti per il benessere della persona’.
“Anche quest’anno” ha dichiarato la presidente di Marino Aperta APS Ivana Chiodo “grazie alla disponibilità delle scuole e dei nostri volontari responsabili del progetto Marco Carbonelli e Domenico Brancato, portiamo avanti con i ragazzi il Comitato Quartiere Giovani nelle scuole di Santa Maria delle Mole e Frattocchie. Con relatori di grande competenza si affrontano i temi di interesse concordati con ragazzi e docenti di riferimento per una conoscenza sia del territorio sia di sé stessi che aiuta i giovani adolescenti a comprendere la società complessa in cui viviamo”.




Dantedì 2022: un progetto a metà tra letteratura, cinema e musica nato ai Castelli Romani

Una composizione per banda musicale mai incisa e le immagini ritrovate circa vent’anni fa di una trilogia di film muti sulla Divina Commedia per segnare un nuovo capitolo importante nello studio e nel culto dantesco che alla fine di quest’anno vedrà compiuto definitivamente il ciclo di celebrazioni ufficiali per il settimo centenario della morte del Sommo Poeta.

Le prime note dell’ambizioso progetto che porterà la firma di nomi eccellenti del panorama culturale, editoriale, musicale e cinematografico italiano risuoneranno in sala di registrazione a partire dai prossimi giorni, sulla scia della benaugurante ricorrenza del Dantedì 2022.

Il risultato finale sarà la pubblicazione di tre dvd contenenti l’opera e la donazione della stessa a tutti i complessi bandistici associati Anbima in Italia (1500 circa) e con diffusione mondiale attraverso la Società Editrice Dante Alighieri.

LA GENESI MUSICALE – Un progetto inedito, di grande rilevanza culturale e di portata potenzialmente internazionale che nasce nel Lazio, ai Castelli Romani dove nei prossimi giorni risuonerà il primo la in sala di registrazione ad opera del maestro Andrea Durante, direttore artistico del complesso bandistico di Albano Laziale che si cimenterà nella composizione per banda dedicata alla Divina Commedia dal Maestro Salvatore Schembari, composta nel 1998 per raccontare musicalmente, assieme ad una voce narrante, il viaggio di Dante con commento a cura del celebre dantista, professor Aldo Onorati.

Un lavoro unico e molto complicato, il cui eccezionale valore è stato riconosciuta, anche dal M° Fulvio Creux, un’eccezionale opera musicale.

IL FILM RITROVATO – Le immagini dell’ ambizioso progetto saranno tratte dal film Inferno prodotto nel 1911 dalla Helios Film di Velletri, la cui pellicola originale è stata rinvenuta nel 2004 con grande clamore tra i cinefili di tutto il mondo.

Il film, infatti, diretto nel 1910 da Giuseppe Berardi e Arturo Busnengo, è stata una delle prime opere della storia del cinema, che ha sperimentato effetti speciali in chiave moderna.

Uscì con grande successo nel gennaio 1911 oltre che in Italia, Francia, Spagna, Gran Bretagna, Ungheria anche negli Stati Uniti, tre mesi prima rispetto al kolossal omonimo prodotto dalla Milano Films con un budget economico più di dieci volte superiore.

Per questo l’opera, che si completa con altri due film: Purgatorio ad oggi ancora considerato perduto e Paradiso, di cui risultano tracce in una cineteca londinese, fu al centro di una violenta disputa che vide la piccola casa di produzione dei Castelli Romani contrapposta al gigante lombardo della filmografia.

Per quasi un secolo Inferno è poi rimasto nascosto negli archivi della Filmoteca Vaticana.

LE FASI DEL PROGETTO – L’obiettivo dichiarato dalla produzione a più voci è quello di incidere l’intera opera del M° Salvatore Schembari con l’ausilio della banda musicale di Albano Laziale; girare le puntate di racconto dantesco; procedere quindi al montaggio utilizzando le scene tratte dalle pellicole originali.

La casa editrice audio/video sarà la Accademie2008 di Corrado Lambona

Il lavoro finale consterà quindi di tre dvd entro il 2023.




Roma, ok al taser alla polizia locale

Arriva l’ok dall’Assemblea capitolina per dotare la Polizia locale dei taser.

E’ stata infatti approvata una mozione, a prima firma del consigliere della Lista Calenda Dario Nanni, che impegna la Giunta e il sindaco di Roma Roberto Gualtieri a lavorare per dotare la polizia municipale della pistola ad impulsi elettrici.

“Esprimiamo grande soddisfazione per la convergenza dell’Aula Giulio Cesare sulla nostra proposta. Da alcuni giorni lo strumento dato in dotazione alle forze dell’ordine è stato usato con risultati soddisfacenti risolvendo spesso situazioni che avrebbero potuto divenire pericolose per gli agenti e i cittadini coinvolti. Con il voto odierno si da una risposta concreta alle richieste degli operatori di Polizia Locale che ne amplia la dotazione a tutela dell’ incolumità e della sicurezza degli agenti e dei cittadini”. Così in una nota il consigliere della lista Calenda Dario Nanni




Bracciano, Tondinelli ai supporters di Crocicchi: “Tranquilli, continueremo a fare un’attenta opposizione!”

“È bastato scrivere la verità sull’immobilismo e l’incapacità di gestire il bene pubblico da parte dell’amministrazione di Bracciano per scatenare alcuni sterili commenti sui social da parte dello sparuto gruppo di supporters di Crocicchi. Questi personaggi desidererebbero che l’opposizione non svolgesse il suo mandato istituzionale, quindi non facesse accesso agli atti, non segnalasse illegittimità, problemi e tantomeno anomalie. In pratica vorrebbero che portassimo avanti l’opposizione del “non vedo, non sento, non parlo…non controllo!”. No grazie, non fa per noi! Vogliamo ricordare che nel corso del nostro mandato abbiamo ricevuto quasi quotidianamente richieste di accesso agli atti, interrogazioni e soprattutto denunce (tutte archiviate) da parte dell’opposizione e non abbiamo mai incolpato l’opposizione che svolgeva il suo lavoro di fermare la macchina amministrativa.

L’ opposizione con il suo compito di controllo fa parte della macchina amministrativa e le richieste di accesso agli atti che vengono fatte non sono inutili ma servono a controllare ed eventualmente a ripristinare la corretta amministrazione. Insomma è l’ABC per un democratico svolgimento dell’attività di qualsiasi amministratore pubblico. Che cosa dovremmo dire a chi ci ha votato? “Ci dispiace, non abbiamo voglia di vigilare?”.

Per niente!Le nostre segnalazioni sono sempre state rivolte a tutela dei cittadini e finanche della stessa amministrazione comunale.Infatti in modo esemplificativo ma non esaustivo riportiamo un piccolo elenco di situazioni che abbiamo dovuto segnalare e che dimostrano l’incapacità di questa amministrazione nel far funzionare la macchina amministrativa:

1) Segnalazione mancata predisposizione e pubblicazione Relazione di inizio mandato da parte del Sindaco del Comune di Bracciano (pubblicata dopo nostra segnalazione);

2)Segnalazione Illegittimità decreto sindacale numero 1 del 11.1.2022( nomina illegittima di tre capo area con relativa illegittimità degli atti prodotti da questi ultimi, la funzione pubblica ha chiesto chiarimenti al segretario comunale);

3)Segnalazione mancato controllo green pass presso il Comune di Bracciano ( controllo attivato pienamente dopo nostra segnalazione);

4)Segnalazione presenza presso ufficio finanziario di personale non autorizzato e relativo trattamento illecito di dati personali (per una persona autorizzazione concessa dopo nostra segnalazione, l’altra dopo segnalazione non ha più frequentato l’ ufficio finanziario);

5)Segnalazione non corretta pubblicazione atti sull’albo pretorio (correzioni apportate dopo nostre segnalazioni);

6)Segnalazione mancata approvazione Linee guida ( approvazione avvenuta dopo nostra segnalazione);

7)Segnalazione scadenza al 31.3.2022 del contratto con la società riscossione tributi ( dopo nostra segnalazione approvata delibera di indirizzo per l’ espletamento della gara);Inoltre abbiamo inoltrato una serie di richieste per capire le motivazioni dello stato letargico in cui versa l’amministrazione Crocicchi, come ad esempio:

1. perché non è partita l’asfaltatura delle strade già appaltate dalla vecchia amministrazione?( passati oltre 5 mesi di governo);

2. Perché non ci si è attivati per far partire l’iter per il ripristino della voragine in via Carlo Marchi? (bastava una sola delibera di giunta per avere i soldi e dopo oltre 4 mesi siamo fermi ai nastri di partenza);

3. Perché non si sono attivate le procedure per assumere il personale autorizzato dal ministero dell’interno?

4. Perché non si è riusciti ad assegnare ad una ditta la manutenzione del verde sul territorio comunale (nelle more dell’approvazione del bilancio si poteva assegnare il servizio per tre mesi); L’elenco sarebbe ancora lungo ma ci fermiamo qua, ci dispiace per il crocicchi fans club ma noi continueremo a svolgere il nostro lavoro con costanza, passione, onesta e rispetto per il mandato che ci è stato concesso dai nostri elettori, sempre sempre a tutela dei cittadini, dell’immagine del Comune e nel rispetto delle leggi e regolamenti vigenti. I Consiglieri Comunali Armando Tondinelli Roberta Alimenti Claudia Marini




Asl Roma 6, Pnrr: presentato il piano da 49 milioni di investimenti sul territorio

Saranno attivate 11 Case della Comunità, 6 Ospedali di Comunità, 6 Centrali operative territoriali (dislocate sul territorio, una per distretto: H1, H2, H3, H4, H5, H6), l’adeguamento sismico degli ospedali e il rafforzamento tecnologico della rete ospedaliera con l’acquisto di 23 nuove apparecchiature di ultima generazione

E’ stato presentato oggi dall’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato e dal commissario straordinario della Asl Roma 6, Narciso Mostarda il Piano di investimenti previsto dal Pnrr per la Asl Roma 6. Sono intervenuti all’appuntamento Daniele Leodori, vice presidente Regione Lazio, e Rodolfo Lena, presidente commissione Sanità. Presenti i sindaci del territorio.

Il Piano illustrato prevede investimenti per un totale di 49 milioni di euro volti a rafforzare la capacità di erogazione di servizi e prestazioni sul territorio, grazie al potenziamento di strutture territoriali, l’estensione dell’assistenza domiciliare, il coordinamento tra setting di cura al fine di garantire la continuità dell’assistenza, lo sviluppo della telemedicina e una maggiore integrazione con i servizi sociosanitari.

Nello specifico, la Regione Lazio, con le D.G.R. 1005/1006/1007 del 30/12/2021 ha approvato: l’attivazione di 11 Case della Comunità, 6 Ospedali di Comunità, 6 Centrali operative territoriali (dislocate sul territorio, una per distretto: H1, H2, H3, H4, H5, H6), l’adeguamento sismico degli ospedali e il rafforzamento tecnologico della rete ospedaliera con l’acquisto di 23 nuove apparecchiature di ultima generazione.

Con le Case e gli Ospedali di Comunità la risposta ai bisogni di cura espressi dal territorio sarà ancora più immediata ed inclusiva. Il rafforzamento del parco tecnologico migliorerà la qualità delle cure negli ospedali, consentendo all’azienda di offrire un numero di prestazioni più elevato. Inoltre, l’importante piano di adeguamento sismico contribuirà a rendere le strutture sanitarie più sicure.

Con la D.G.R. 75 del 25/02/2022 la Regione Lazio ha inoltre approvato il Piano Regionale di digitalizzazione per le strutture ospedaliere Dea di I e II livello. Questa la sintesi degli investimenti previsti dal piano del Pnrr e dal Piano Nazionale Investimenti Complementari al Pnrr che fanno parte del più ampio piano riorganizzativo della sanità laziale che vede impegnati 700 milioni di euro fino al 2026.

“I finanziamenti previsti dal Pnrr- ha commentato l’assessore D’Amato- rappresentano una grande sfida che ci permetterà di aprire una stagione di grandi investimenti. Questo è il momento di fare squadra tutti insieme per pensare e realizzare una nuova sanità che guarda ai bisogni delle persone e dei territori. Nuovi ospedali, ma anche sanità del territorio e nuove tecnologie per una offerta di prossimità che permetterà alle persone di percepire un reale cambio di passo”.

“Il territorio- ha dichiarato il commissario straordinario Narciso Mostarda- è protagonista del cambiamento, diventando porta di accesso al cittadino per una immediata risposta ai bisogni di cura e per una presa in carico efficiente ed inclusiva, puntando sull’innovazione e verso una vera e propria rivoluzione digitale. Il Pnrr ci ha offerto un’importante occasione, quella di restituire nuova vita alle nostre strutture territoriali, rafforzandone il valore e il potenziale, in una logica di prossimità e digitalizzazione. Partiamo da qui per costruire un nuovo modello di sanità”.




Bracciano, il sindaco Crocicchi: “Ripartiamo dalla progettualità”

E’ ufficiale che Bracciano rientri tra i paesi oggetto di interventi da realizzarsi, con riferimento ai Poli di sport benessere e disabilità, (finanziati grazie ai fondi PNRR – Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) del valore complessivo di 850.000 euro.
Il progetto finanziato prevede la riqualificazione ecosostenibile del complesso sportivo polifunzionale comunale “Starnoni”, al fine di implementare la fruibilità all’impianto e renderlo più accessibile ai diversamente abili. Sarà possibile attuare la manutenzione ed efficientamento energetico dell’impianto sportivo, con riqualificazione ecosostenibile, efficientamento e messa a norma degli ambienti.
E’ un obiettivo che ci siamo posti fin dal primo giorno e sul quale, di concerto con gli uffici comunali abbiamo lavorato alacremente: quello di restituire ai cittadini le strutture sportive e più in generale i luoghi di aggregazione e di socialità di cui Bracciano è stata privata negli ultimi anni, per ricucire la rete sociale cittadina.
“Era nostro obiettivo primario farlo però non sulla base di un’incidenza sulle casse comunali, come nel recente passato, ma nello spirito di un nuovo corso, sulla base di una progettualità che tenesse insieme un’esigenza presente, una visione futura e un modello aperto e partecipativo.” Lo dichiara il Sindaco di Bracciano, Marco Crocicchi




Bracciano, degrado e incuria: “In cinque mesi la città è in decadenza”

“Dopo 5 mesi dall’insediamento della Amministrazione Crocicchi, siamo costretti a denunciare l’immobilismo totale e l’incapacità nel gestire la cosa pubblica. Dopo tutti gli slogan partecipativi e la tanto propagandata competenza a risolvere i problemi della città, questo esecutivo non riesce a portare avanti nemmeno le opere già appaltate dalla vecchia amministrazione come l’asfaltatura delle strade e a intervenire su opere che creano grave disagio alla cittadinanza. La ormai nota voragine di fronte alla scuola San Giovanni Bosco è ancora lì, ferma da ben quattro mesi ed è ancora lontana dal risolversi, per non parlare delle ordinarie manutenzioni, ad esempio il giardino del lago, la rotatoria di via Arturo Perugini e tutte le rotatorie di Bracciano nuova completamente abbandonate a se stesse. Ormai incuria e degrado urbano caratterizzano gran parte del territorio da novembre 2021. E non si tratta di una questione di bilancio, come qualcuno vuol far credere. La nostra amministrazione ha lasciato il Comune di Bracciano con un bilancio solido e nelle casse comunali circa 5 milioni di euro. Addirittura, la lentezza cronica è oggetto di diverse lagnanze, basti pensare che con la vecchia amministrazione i termini di pagamento delle imprese avevano raggiunto una media di circa 31 giorni e ad oggi superano i 60 giorni. La verità è che questa amministrazione non riesce ad applicare nemmeno le più normali e semplici regole del diritto amministrativo degli enti locali. Infatti nell’esercizio del nostro mandato, siamo costretti quasi quotidianamente a segnalare problemi, anomalie e anche illegittimità che vanno dalla mancata approvazione di documenti istituzionali nei tempi previsti dalla legge, alla mancata corretta applicazione della normativa, alla evidente illegittimità di decreti sindacali fino alla incompleta pubblicazione degli atti sull’albo pretorio del Comune con conseguente inefficacia degli stessi. Ci stupiamo di come siamo costretti a rilevare queste continue irregolarità quando all’interno del Comune è presente ormai da oltre un mese un segretario comunale a tempo pieno, tra l’altro definito dal sindaco “bravissimo”, che avrebbe il dovere di vigilare su tutte queste inadempienze ed errori e far sì che la macchina amministrativa risponda alle esigenze dei cittadini e soprattutto della legge”. Così in una nota i Consiglieri Comunali Armando Tondinelli, Roberta Alimenti, Claudia Marini