1

ELENA CESTE: SI DIPANANO LE OMBRE A POCHI GIORNI DALLA SENTENZA

di Domenico Leccese

Sul caso di Elena Ceste abbiamo chiesto alla criminologa dott.ssa Ursula Franco, consulente di Michele Buoninconti, a pochi giorni dalla sentenza di chiarirci alcuni punti dell’inchiesta che lo vede accusato dell’omicidio della moglie Elena Ceste.

E’ vero che Michele, ha chiesto ai nonni di andare a vivere nella sua casa, per risparmiare?

Buoninconti ha pensato che sarebbe stato, meno traumatico per i bambini, continuare a vivere nella loro casa, ed inoltre egli ha il timore che il nonno, essendo anziano, possa fare e/o subire, un incidente stradale, accompagnando i bambini a scuola, percorrendo una lunga distanza, mentre da casa sua sono solo pochi chilometri.

E’ vero che Michele Buoninconti era geloso e "controllava" sua moglie?
Buoninconti non era geloso, lo era piuttosto sua moglie Elena, che anzi si lamentava del fatto che lui non lo fosse. Per quanto riguarda il controllo su di lei, Elena era libera di relazionarsi con chi voleva, Michele si disinteressava completamente alle sue attività al computer ed al telefonino, tanto che non lesse i messaggi sul telefonino della Ceste, nonostante l’avesse avuto in uso in precedenza, se non quando lei glieli mostrò. E’ con il meccanismo della proiezione, caro agli psicologi, che si spiegano certi malintesi, malintesi che hanno contribuito all’errore giudiziario.

Lei chiama, questa carcerazione preventiva, errore giudiziario, perché?

Una carcerazione preventiva di 9 mesi, l’aver reso pubblici gli atti giudiziari, permettendo uno strazio mediatico senza precedenti nei confronti di un uomo non ancora giudicato ed infine la decadenza della patria potestà sono nell’insieme un osceno errore giudiziario che ha provocato danni irreversibili, non solo a Buoninconti ma a tutta la sua famiglia, compresi i nonni materni.

Come spiega certi atteggiamenti di Buoninconti e certe intercettazioni che vengono di continuo fatte ascoltare agli italiani come prova dell’omicidio?
Buoninconti è stato accusato di essere una specie di padre padrone, insensibile e scorbutico. Di sicuro, la sofferenza per la scomparsa della moglie, il non aver compreso i suoi disturbi psichici, una pressione mediatica senza precedenti, i ‘tradimenti’ di familiari, amici e giornalisti, la percezione dei sospetti su di sé, l’essere il capro espiatorio di un paese intero, il rischio che i servizi sociali gli togliessero i bambini, lo hanno esasperato e condotto a provare, a volte, sentimenti di rabbia ed a perdere la pazienza con i giornalisti ed i figli.
In questo clima, in alcune rare intercettazioni, rispetto a quelle dove Michele usa solo belle parole quando parla di Elena, Buoninconti usa parole forti riferite alla sua ormai ex compagna di vita e perde la pazienza con i propri figli.
Tali intercettazioni vanno contestualizzate temporalmente, risalgono tutte a prima del ritrovamento della Ceste, all’epoca Michele poteva avere tutte le ragioni di sentirsi e comportarsi come un uomo tradito ed abbandonato ed è allo stesso modo comprensibile, che egli, in questo clima, a volte perdesse la pazienza con i quattro figli, di cui doveva occuparsi da solo. C’è da notare che in due intercettazioni, che vengono usate contro di lui, egli si fa domande sulle sorti della moglie, mostrando evidentemente di non sapere dove sia, si chiede: ‘vai a capire cosa ha visto!?’ e ‘chissà dove…’ quesiti che non appaiono rivolti ai figli, ma piuttosto sue intime riflessioni e non certo quelle di un assassino che conosce perfettamente il destino cui è andata incontro la sua vittima. In una intercettazione, risalente al 28 febbraio 2014 (circa un mese dopo la scomparsa), che viene spesso tagliata ad hoc, durante una struggente conversazione con i figli Michele dice ai bambini: "Alla sera quando vi raccontavo la storia di me e mamma, non l’abbiamo mica finita quella storia, vero!?", mostrando di avere la speranza che Elena torni per continuare a condividere la vita con lui.

Come giudica il comportamento di Michele Buoninconti nei confronti dei giornalisti e dei figli?
Buoninconti è stato sottoposto, ad una pressione mediatica intollerabile, da parte di giornalisti o cosiddetti tali che non hanno avuto alcun rispetto né per lui, che era un semplice indagato, né per i suoi quattro figli, tutti minorenni, che egli ha semplicemente cercato di proteggere da gente senza scrupoli, che dell’odio, nei suoi confronti, ha fatto una ragione di vita. La lettura, delle reazioni di Michele nei confronti dei giornalisti, fatta dai media e dalla procura, è faziosa e viziata dal convincimento che Elena sia morta per mano sua.

Dott.ssa Ursula Franco che cosa pensa della ricostruzione del presunto omicidio di Elena Ceste da parte dell’accusa?
La ricostruzione dell’accusa è quantomeno fantasiosa ed illogica, avevo previsto, in interviste precedenti, che sarebbe stato impossibile per l’accusa ricostruire un omicidio che non c’è stato. La PM ha sostenuto in udienza durante la sua requisitoria che Michele ha ucciso Elena con le mani, soffocandola, tale tecnica omicidiaria è estremamente difficile da mettere in pratica nei confronti di un giovane adulto sano quale era la Ceste. Un recente fatto di cronaca ci conferma quanto sia difficile uccidere in questo modo, un uomo di ottant’anni, cardiopatico e con pacemaker pochi giorni fa ha reagito ad un uomo molto più giovane di lui che intendeva soffocarlo ed è sopravvissuto, eppure l’anziano non era al meglio della propria forma fisica. Ancora riguardo alla ricostruzione della PM, la stessa ha sostenuto che, dopo aver trovato Elena nuda in casa e dopo averla uccisa soffocandola con le mani, Michele l’ha avvolta in uno dei lenzuoli del letto matrimoniale, l’ha condotta in auto al Rio Mersa ed ivi abbandonata e tornato a casa ha rifatto il letto con lo stesso lenzuolo. Sarà stato, alquanto difficile, da parte dell’accusa spiegare al Giudice Amerio come i vestiti rimasti a casa si siano sporcati di terra e non il lenzuolo. Tra l’altro nessun lenzuolo avrebbe mai impedito alle tracce del cadavere di Elena di depositarsi nel bagagliaio dell’auto, dove le ricordo non sono mai state riscontrate.

Dott.ssa Franco, lei è stata l’unica a spiegarsi le circostanze della morte della Ceste e non ha avuto alcun timore a mettersi contro tutti, non credo sia stato facile, si può parlare di coraggio?

Addivenire alla verità, grazie alle proprie competenze ed allo studio approfondito del caso, non è difficile, è il sistema che non è facilmente permeabile e non mi riferisco alla Procura. Non credo che sia stato il coraggio a sostenermi in questa lotta quanto piuttosto una forza inarrestabile quale è la certezza della verità.
Mi dispiace soltanto che i molti ed inaspettati ostacoli che ho trovato di fronte a me abbiano allungato i tempi della giustizia.

Mi sembra ottimista per quanto riguarda la sentenza dei primi di novembre
Non ho certezze a parte il fatto che, dopo che la verità è stata rivelata ed è stata ribadita con forza in udienza, durante la sua requisitoria dall’avvocato Giuseppe Marazzita, questa VERITÀ prima o poi trionferà.

Il caso è risolto, la difesa ha chiarito come andarono i fatti?

La mia ricostruzione, (N.d.r. contenuta nella Super Perizia) si accorda perfettamente con tutte le risultanze investigative e nulla potrà mai cambiare i fatti accaduti il 24 gennaio 2014. La mia speranza è che il Giudice Amerio sia il primo Giudice ad interrompere il corso di questa grave ingiustizia.